Juve attenta: Chelsea e Monaco su Paratici, quando il rinnovo?

Fabio Paratici Juve
© foto www.imagephotoagency.it

La Juve divorzia dal ds Fabio Paratici? Non è una soluzione minimamente presa in considerazione in questo momento, anche se le indiscrezioni delle ultime ore conferma che il dirigente bianconero continua ad essere uno dei più ricercati d’Europa. Ci avrebbe provato la Roma lo scorso anno, prima di dare l’incarico a Monchi, così come il Milan, che si è poi affidato a Mirabelli. Voci provenienti dalla Spagna riferiscono di un passato interesse anche da parte del Real Madrid, ma stavolta a cercare Paratici sarebbero un club francese e uno inglese. Rispettivamente Monaco e Chelsea.

Insomma, l’ottimo lavoro svolto alla Juventus in questi sette anni, ha reso il direttore sportivo bianconero, fedele braccio destro del dg Beppe Marotta, uno dei dirigenti maggiormente quotati, non solo a livello nazionale. L’interesse di Monaco e Chelsea, curiosamente, arriva proprio nei giorni in cui anche una fetta della tifoseria bianconera sta criticando Paratici, reo assieme al direttore generale di non aver completato la rosa con quella ciliegina sulla torta che avrebbe magari potuto far vincere una Champions. Sia chiaro, però, che Andrea Agnelli di dubbi non ne ha e non si farà di certo influenzare in questo momento da qualche umore della piazza.

Paratici alla Juve per altri 3 anni

Fabio Paratici, così come Pavel Nedved saranno confermati al fianco di Marotta, così come sarà rinnovato anche il contratto dei loro collaboratori. Lo riferisce Raisport, che parla di intesa già raggiunta per il prolungamento, anche se la firma tarda ad arrivare. I ben informati sostengono che i dirigenti non vogliano distrarre la squadra dal caldo finale di stagione che l’attende, ragion per cui firmeranno il nuovo contratto triennale al termine delle ostilità. Gli ultimi dettagli burocratici saranno limati appena sarà assegnato lo scudetto e la Coppa Italia, dopodiché sarà dato anche l’annuncio ufficiale del nuovo matrimonio della triade Juve. Poi, con ogni probabilità, si passerà a sciogliere il nodo allenatore.