in

John Elkann e Andrea Agnelli: vertice alla presenza di Alitalia

Sono giorni caldi per la costruzione della Juventus del futuro. Ieri John Elkann, numero uno di Exor, e il cugino Andrea Agnelli, presidente della Juventus, so­no stati a colloquio in sede per oltre quattro ore. Il piatto più caldo all’ordine del giorno è l’aumento di capi­tale. Elkann lo ha anticipato all’assem­blea della Exor, la cas­saforte di Famiglia: “La società ha fatto molto con Andrea per allestire un assetto sportivo che duri. I Cda della Juve decide­ranno gli obiettivi e, se ci sarà bisogno di sostegno, lo daremo” . La ricapitaliz­zazione definirà le future strategie. Dal nome del nuovo allenatore, al mercato. \r\nIl prossimo mer­coledì, l’ 11 maggio, è in programma il Cda della Juventus. Dal summit l’ad Giuseppe Marotta uscirà con le idee più chiare su quanto potrà spendere per rinforzare la squadra: nessuna certezza sul­le cifre, ma filtra un cer­to ottimismo. Dai novanta ai centoventi milioni, si dice in giro. Che in parte serviranno a co­prire le perdite di bilancio di quest’anno (60 milioni). E in parte verranno utilizzati per fi­nanziare la prossima cam­pagna acquisti. L’obiettivo resta quello sbandierato negli ultimi giorni: 5/6 ac­quisti, due dei quali cam­pioni di fama internazio­nale.\r\nDi que­sto e tanto altro hanno parlato ieri i vertici della Juventus. E’ stato un po­meriggio di strategie, in corso Galileo Ferraris. An­drea Agnelli è arrivato per primo in sede. Non erano ancora le 13.30. In­torno alle 14.15 è stato raggiunto da Jonh Elkann. Poi è stato il tur­no del coordinatore dell’a­rea tecnica Fabio Paratici (14.55) e di Giuseppe Ma­rotta (15.10). Il summit tra i due cugini è durato oltre quattro ore. Già, Elkann ha abbandonato il quartier generale a pome­riggio inoltrato. L’orologio segnava le 18.30. Agnelli è uscito più tardi.\r\nIntor­no alle 17.30 si è aggiunta un’altra presenza di un certo rilievo. Ai piani alti degli uffici di corso Galileo Ferraris è salito Rocco Sa­belli, Amministratore de­legato di Alitalia, già part­ner della Juventus da qualche anno. Ha lasciato gli uffici dopo un’ora e trenta. “Con i vertici della Juventus i rapporti sono ottimi, siamo sponsor. Ho salutato Elkann, come pu­re Agnelli e Blanc” . Sui contenuti della visita è stato piuttosto abbottona­to. Difficile pensare a una semplice coincidenza. La presenza dell’amministra­tore delegato di Alitalia a metà del summit tra John& Andrea come mini­mo fa ipotizzare a nuovi progetti in cantiere per ampliare il rapporto. La Juventus viaggia tuttora con Alitalia. E chissà che i futuri sviluppi possano ri­guardare il nuovo stadio bianconero. Sabelli con Elkann si è incrociato per un’oretta. Con il resto dei vertici si è intrattenuto per una successiva ora. Le grandi manovre per rinnovare e rinforzare la Juventus sono partite. Prossima tappa: il Cda di mercoledì.\r\n\r\nCredits: Tuttosport