Juventus news

Il 24 gennaio 2003 ci lasciava l’Avvocato Giovanni Agnelli: il ricordo della Juventus

Scritto da Redazione JM

«Avvocato, vinca la Juventus o vinca il migliore?».\r\n«Sono fortunato: spesso le due cose coincidono».\r\n\r\nE’ una delle battute più note di Giovanni Agnelli, regalata in risposta prima di una partita della sua Juve. Poche parole, molta signorilità e una certezza, neanche troppo velata: quella domenica, la sua squadra, gli avrebbe dato soddisfazione. Ancora una volta.\r\nE la cosa gli dava immensa gioia, perché la Juve era per lui un gioiello prezioso, da ammirare e da tenere lustro con vittorie e bel gioco.\r\n\r\nIntenditore raffinato, ammirava i campioni assoluti, come Sivori o Platini, ma apprezzava altrettanto chi sapeva soffrire e faticare lontano dai riflettori. Amava i nostri colori. I suoi colori. E faceva in modo che fossero i più nobili e apprezzati.\r\n\r\nSe n’è andato il 24 gennaio 2003. Lo ha pianto tutto il paese, tutto il mondo. Lo hanno pianto tutti i tifosi bianconeri. E oggi, a otto anni dalla sua scomparsa, lo ricordano con il rispetto dovuto a una delle figure più importanti del secolo, ma anche con l’affetto che si prova per una persona cara, per un amico con cui hai condiviso una passione infinita, che ancora ti travolge e che ancora te lo fa sentire vicino.\r\n\r\n(Credits: Juventus.com)

2 Commenti

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi