Higuain: il fratello è a Torino per rescindere con la Juventus

La Juve spera in uno sconto sull’ultimo anno di contratto del Pipita, ma sarà comunque un’operazione a perdere

fratello higuain torino rescissione juventus

Nicolas Higuain è sbarcato a Torino per concludere in prima persona la rescissione consensuale del fratello Gonzalo dalla Juventus. Da giorni si dice sostanzialmente che il Pipita abbia deciso di accettare la corte dell’Inter Miami, società di MLS in cui gioca già l’ex compagno Blaise Matuidi e con la quale avrebbe raggiunto un accordo di massima fino al 2022. Il fatto che il fratello-agente di Higuain sia sbarcato in Italia non può voler dire altro che la trattativa per la risoluzione con la Juve sia al passo finale.

Nicolas Higuain a Torino: la Juve spera in uno sconto

Nei giorni scorsi, Nicolas Higuain aveva confermato che la volontà di mister Andrea Pirlo fosse quella di non puntare più sull’attaccante argentino ex Napoli, ma comunque ci sarebbero voluti i tempi tecnici necessari a chiudere la partita. Per le casse della Juventus si prospetta un’operazione per certi versi “sanguinosa”, per via della situazione già difficile aggravata dal covid. Il club di Andrea Agnelli metterà a bilancio una minusvalenza da 18 milioni di euro, perché i club di MLS non possono prelevare i cartellini di calciatori in prima persona. Inoltre, c’è la questione dell’ultimo stipendio: da qui a giugno 2021, infatti, il Pipita dovrebbe incassare 7,5 milioni di euro netti.

Una volta ufficiale l’addio del Pipita, tutto su Suarez

Pleonastico aggiungere che Fabio Paratici speri in uno sconto sullo stipendio, perché mister Pirlo chiede altri rinforzi e il primo obiettivo è quello di chiudere con il Barcellona la trattativa per Luis Suarez. Anche se l’uruguayano ha accettato uno stipendio molto inferiore a quello che percepisce in Spagna (6,5 milioni più bonus, secondo le ultime indiscrezioni giornalistiche), ci sarà con ogni probabilità da pagare un indennizzo al club catalano.