Gravina: “Chi invoca lo stop del calcio vuole male agli italiani”

Il presidente della Figc duro: “Il protocollo sanitario sarà rigido ma flessibile”

gravina figc calcio italiani

Gabriele Gravina, il presidente della Figc, ha rilasciato anche oggi un’intervista nella quale ha parlato della ripresa del calcio. il mondo dello sport è spaccato, il Coni litiga con la Lega Serie A e gli stessi club non sono d’accordo tra di loro: Brescia e Torino non vogliono giocare, con l’Udinese propensa ad accodarsi, poi ci sono i possibilisti e gli oltranzisti, ovvero quelli che vogliono tornare a giocare a tutti i costi. Ecco la versione di Gravina alla trasmissione radiofonica “Un giorno da Pecora”: “Come mettere d’accordo presidenti di calcio che rischiano di retrocedere e non vogliono ricominciare e quelli che potrebbero vincere il campionato e vogliono ricominciare subito? È un momento complesso per il nostro Paese, per l’economia del nostro Paese, per il mondo del calcio che rappresenta una delle industrie più importanti del nostro paese, ma sono convinto – aggiunge – che con un pizzico di senso di responsabilità da parte di tutti e un po’ di disponibilità e buon troveremo sicuramente la giusta via. È chiaro che chi invoca oggi ad alta voce l’annullamento o la sospensione credo non voglia bene né al calcio né agli italiani, ne non voler dare anche la speranza di un futuro, di una ripartenza, di una rinascita e su questo io terrò duro fino alla fine”.

Gravina: “Protocollo sanitario rigido ma flessibile”

Poi il presidente federale richiama le parole del ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, che ha confermato di voler riprendere gli allenamenti il 4 maggio: “Condivido la speranza del ministro dello Sport Spadafora di poter ripartire il 4 maggio, con tutte le dovute cautele e garanzie. Abbiamo elaborato un protocollo sanitario che consegneremo domani a Spadafora e al ministro della Salute Speranza, rigido e attento ma flessibile e facile da applicare. Ci sarà periodo di controllo per garantire negatività di tutti coloro che partecipano agli eventi. Se sono tutti negativi – osserva – non c’è pericolo. Serviranno tre settimane di sicurezza, quindi a fine maggio inizio giugno si può tornare a giocare”.

Serie A tutta al Centro-Sud?

A parte che l’aggettivo flessibile è sostanzialmente il contrario di rigido, quindi il protocollo sanitario non può essere al contempo ambo le cose, ci viene da chiedere in che condizioni si prepareranno le partite con i cosiddetti “allenamenti in sicurezza” ovvero senza contatti e senza la possibilità di fare partitelle ed amichevoli. L’OMS parla di trasferire il campionato al Centro-Sud, ma proprio in queste ore sono scoppiati nuovi focolai in Campania, ad esempio, e in Calabria. Si può fare davvero?