Calciopoli & Co

Giulemanidallajuve: il Consiglio di Stato bocca il ricorso. Coni, Figc e Inter dovranno essere risarcite

Scritto da Redazione JM

Costa cara all’asso­ciazione GiulemanidallaJuve la battaglia legale combattu­ta presso il Tar e il Consiglio di Stato per vedere cancella­te le sentenze sportive parto­rite nel 2006 sulla vicenda Calciopoli. Proprio il Consi­glio di Stato (relatore Rober­ta Vigotti, presidente Luigi Maruotti), ultimo grado di appello amministrativo, ha confermato il difetto di legit­timazione dell’associazione di tifosi e azionisti Juve a costi­tuirsi in vece del club (che non l’ha mai fatto) nelle sedi amministrative e bocciato il suo ricorso. In attesa delle motivazioni, la sesta sezione del supremo organo ammini­strativo non ha solo chiuso il capitolo del procedimento aperto da Glmdj, ma anche sanzionato il ricorrente a rifondere le onerose spese le­gali: 12 mila euro a Coni, Figc e Inter (che resisteva all’espo­sto per difendere lo scudetto del 2006), oltre che al Mini­stero dello sport, citato an­ch’esso nell’atto, che era sta­to bocciato dal Tar il 5 giugno 2008, per un totale di 40 mi­la euro.

Una batta­glia decisamente impari, quella combattuta dall’asso­ciazione, perché giocata con gli elementi del 2006: il proce­dimento non poteva prende­re in considerazione i fatti nuovi emersi a Napoli, in as­senza di un pronunciamento del Tribunale penale. Da par­te interista si parla di cristal­lizzazione dello scudetto as­segnato nel 2006 (una delle conseguenze delle sentenze contro cui ricorreva Giulema­ni). In realtà quell’assegna­zione non era parte delle sen­tenze di giustizia sportiva, condizionate dalla parzialità del materiale in mano a Bor­relli e Palazzi, come abbia­mo scoperto e urlato qui. Al supremo giudice ammini­strativo interessava confer­mare (per evitare un insidio­so precedente) il principio che i legittimati ad agire non sia­no gruppi o associazioni, per quanto rilevanti, di tifosi o anche azionisti, ma chi co­manda nel club “danneggia­to”.

Di certo, però, il fronte che si oppone alla revi­sione di Calciopoli alla luce dei fatti nuovi emersi a Na­poli brandirà la sentenza 8720 come atto conclusivo, tombale, ma il Consiglio di Stato non confuta quanto detta l’articolo 39 del codice Figc sulla revisione dei pro­cessi sportivi in caso di fatti nuovi (non posti all’attenzio­ne del Consiglio di Stato ed emergenti in questi mesi) e non “cassa” il punto 20 del pa­rere che indusse Rossi ad as­segnare lo scudetto 2006 do­ve si parlava di profilo moral­mente indiscutibile e di man­canza totale di coinvolgimen­to nei fatti degli assegnatari. Per quello ci sarebbe Palazzi che indaga, anche se dal 28 dicembre è fermo. Aspettava pure lui il Consiglio di Stato?

(Di Alvaro Moretti per 'Tuttosport')

3 Commenti

  • Zaccone paga tu: hai ricevuto 500.000 euro per non fare nulla! come minimo devi darne 40.000 a GLMDJ (e 460.000 in beneficienza)

  • Mi spiace dirlo ma hanno sbagliato i tempi.\r\nChi si doveva esporre FIN DA SUBITO era la società, con una forte presa di posizione.\r\nDOPO il processo di Napoli le cose, forse, sarebbero andate diversamente.\r\nPeccato.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi