Dalla Francia: Paratici chiama Raiola per Pogba alla Juventus

La Juve prova ad anticipare i tempi per riportare il “Polpo” a casa

paratici raiola pogba juventus

Qualcosa si muove sull’asse Torino-Montecarlo: secondo quanto riferisce Le10sport, Fabio Paratici avrebbe sondato il terreno con Mino Raiola per l’affare Paul Pogba. Proprio oggi, della trattativa ha parlato l’ex dg della Juventus, Luciano Moggi, secondo cui non ci sono i presupposti per il ritorno del “Polpo” in bianconero. I giornalisti francesi, invece, sottolineano che seppur una trattativa vera e propria con il Manchester United non sia stata avviata, l’agente del calciatore, residente nel Principato di Monaco, e la Juve ne hanno parlato.

Paratici chiede aiuto a Raiola

Nonostante l’emergenza che ha abbassato il costo dei cartellini, il ritorno di Pogba alla Juventus è un’operazione a dir poco proibitiva a livello economico. È anche per questo che Paratici ha deciso di anticipare i tempi, per capire quanti margini di movimento ci siano sulle cifre con i Red Devils e con lo stesso calciatore, che percepisce 15 milioni di euro l’anno. Serve tutta la collaborazione di Raiola per abbassare le cifre, esattamente come fece qualche anno fa l’agente italo-olandese con il Barcellona per agevolare il trasferimento di Zlatan Ibrahimovic al Milan.

Pogba alla Juventus: che si fa col nuovo tetto ingaggi?

Il nuovo tetto ingaggi stabilito dalla dirigenza bianconera prevede che i nuovi arrivi non guadagnino più di 9 milioni di euro lordi, ovvero tra i 4,5 e i 6 netti. Il campione del mondo francese potrebbe venire incontro alla Vecchia Signora abbassando un po’ le sue pretese in cambio di un contratto più lungo, ma la Juventus dovrà fare la sua parte facendo un’eccezione sul salary cap. Il Manchester United, inoltre, dovrebbe accettare qualche contropartita tecnica per abbassare, se non pareggiare il costo del cartellino. I nomi più gettonati in Inghilterra parlano di Adrien Rabiot, la cui esperienza a Torino sembra volgere al termine dopo una sola stagione. Occhio anche a Douglas Costa, calciatore di cui la Juve si disferebbe senza tanti rimpianti considerato che: va per i 30 anni, guadagna 6,5 milioni più bonus ed è spesso in infermeria per problemi fisici.