News Serie A

Finito il matrimonio tra l’Inter e Benitez: Baresi e poi Spalletti

Scritto da Redazione JM

“L’Inter non ha mai saputo perdere, e non hanno ancora imparato a vincere”, mai frase di Andrea Agnelli fu più felice. Esonerare un allenatore all’indomani della vittoria del mondiale per club era forse l’unico record negativo rimasto ai nerazzurri, che negli anni precedenti alla farsa di Calciopoli avevano fatto ridere il mondo con imprese tutt’altro che encomiabili. Rafa Benitez, ha provato sulla sua pelle cosa significhi far parte dell’universo nerazzurro e della gestione Moratti: gli erano stati promessi degli acquisti e non solo non gli sono stati presi, ma è stato individuato il tecnico quale origini di tutti i mali dell’andamento altalenante di una squadra che defininire logora è farle un complimento. \r\nSecondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Juvemania.it, i nerazzurri hanno già avuto alcuni incontri con Luciano Spalletti, fresco campione con il suo Zenit San Pietroburgo, in Italia per una serie di iniziative benefiche. L’intesa ci sarebbe ma difficilmente si concretizzerà nei prossimi giorni: molto più probabile un traghettamento di Baresi, già secondo di Mourinho e attualmente relegato ad un ruolo imprecisato (il vice effettivo di Benitez è Pellegrino). In ogni caso, grossi problemi “burocratici” attendono i nerazzurri: sia per arrivare a Spalletti, sia per sciogliere l’accordo con Benitez, Moratti sarà costretto a mettere pesantemente mani al portafogli. Insomma una mossa in perfetto stile Inter.\r\nOvviamente le grane non finiscono qui: nei prossimi giornil’Inter dovrà presentarsi di fronte al procuratore Palazzi e dare conto delle telefonate sin qui occultate (da chi?) e tirate fuori al processo di Napoli dalle difese degli imputati. Senza dimenticare il caso del passaggio di Pandev in nerazzurro, per il quale le indagini sono ancora in corso.

11 Commenti

  • certo che essere interisti è proprio triste, neanche da campioni del mondo riescono a essere contenti. se la prendono con i nostri cambi di allenatore 6 in 4 anni (a me risultano numeri diversi) voi 7 in un anno.\r\nsiamo cme voi… abbiamo cominciato a spendere soldi???? e chi abbiamo comprato (krasic a parte) a me sembra che abbiamo venduto o svenduto dei giocatori per prenderne altri, la nostra rosa non è di 45 giocatori.\r\nbeh poi ci lamentiamo degli arbitri, del resto chi in semifinale di champions contro il barcellona viene trattato in quel modo non può lamentarsi…\r\nè triste pensare che gli indossatori di scudetti altrui neanche ora possano esultare senza parlar male di noi, comunque amici (non miei) interisti state tranquilli, che ora le cose torneranno come sono sempre state, juve e milan a vincere e voi a rovinarvi il fogato per i prossimo 50 magari 100 anni\r\nJUVE nel CUORE

  • il solito intertriste male informato e sputaveleno,nn saremo MAI della vostra pasta, voi nn siete stati capaci (e nn lo sarete mai)di essere grandi quando le cose vi andavano bene anche se solo x volonta’ di poche persone al soldo di morattopoli.

  • è facile fare i grandi quando le cose vanno bene, da quando non vincete avete fato le stesse cose per le quali ci prendevate per il culo, spendere soldi, cambiare gli allenatori, lamentarsi degli arbitri.

  • e quello di Deschamps in serie b a poche giornate dalla fine di un campionato già vinto, questo era il primo quello di Ranieri il secondo, sei allenatori in quattro anni

  • e quando voi avete esonerato Ranieri a due giornate dal termine del campionato perchè avevate paura di non arrivare secondi sai che risate che siamo fatti.

  • Questa frase (L’Inter non ha mai saputo perdere, e non hanno ancora imparato a vincere) non l’ha detta Andrea Agnelli, ma, tra lo stupore generale, l’ha pronunciata John Elkann durante l’intervallo di JuveA-JuveB a Villar Perosa quest’anno.

  • questo per far capire che grande squadra e che grande allenatore ci volevano per vincere il torneo dell’amicizia…..come ci godo se l’inter torna quella degli anni “migliori”!!!!

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi