Interviste Primo Piano

Evra: “Vincere a Siviglia, fosse per me giocherei sempre”

Evra sky
Scritto da Redazione JM

Patrice Evra, terzino sinistro della Juventus, ha parlato oggi a Sky Sport, all’indomani del pareggio casalingo con il Lione

Patrice Evra, terzino sinistro della Juventus, ha parlato oggi a Sky Sport, all’indomani del pareggio casalingo con il Lione. Già ieri sera, a caldo, l’ex Manchester United aveva dato una strigliata ai suoi, oggi rincara la dose.

"Non sono affatto soddisfatto del rendimento - dichiara Evra - possiamo dare 10 volte di più, ma la gente ci deve giudicare alla fine della stagione. E se non avremo vinto niente sarò il primo a sentirmi fallito. Tutti noi avremmo voluto essere qualificati agli Ottavi di Champions già da ieri, il pareggio non è il risultato che avremmo desiderato. Ora - continua - , però, la cosa più importante è che la Juve può ancora qualificarsi, e può farlo da prima del girone: dobbiamo vincere con il Siviglia e con la Dinamo per dimostrare che questa è la nostra competizione! Pensiamo partita per partita, ma sono convinto che passeremo il turno".

Evra: "Sto bene, giocherei sempre, ma..."

Quanto al suo impiego, Evra quest’anno si sta alternando con Alex Sandro più dell’anno scorso, anche se Allegri ha sempre preferito il francese per le partite di “cartello”. In Champions, insomma, l’ex United dà più garanzie al tecnico toscano, ma dipendesse da lui, Evra le giocherebbe tutte:

"Ho sempre detto al mister che mi riposerò soltanto quando avrò concluso la mia carriera. A me piacerebbe ovviamente giocare tutte le partite - ammette - , perché mi sento bene e sento di avere ancora le gambe per farlo, però sono intelligente, so che ad una certa età devi dare più qualità che quantità. Certo, ho talmente tanta voglia di giocare che, se serve, farei persino il portiere, anche se non voglio rubare il posto a Gigi... (ride, n.d.r.) Quando torno a casa non guardo i miei trofei, non penso al mio passato, io guardo avanti e tutti i giorni cerco di essere un nuovo giocatore, ad ogni partita devo dimostrare a me stesso di essere in grado di giocare alla Juve e di indossare questa maglia, questo è il mio modo di essere. Mi piace scherzare, divertirmi sul mio Instagram, ma quando c'è da essere serio, per me esiste soltanto il lavoro: questo è il mio modo di essere".

Tornando alle ambizioni della squadra, il difensore sposa in toto la linea dell’allenatore: come dice Allegri, contano i risultati e il gioco arriverà di conseguenza con il passare delle settimane.

"Il gruppo è talentuoso e i nostri obiettivi restano di vincere lo scudetto e la Champions, ma è solo da tre mesi che giochiamo insieme, ci sono nuovi giocatori, ci vuole tempo. In molti devono ancora abituarsi pienamente allo stile della Juve, e a ciò che ti viene richiesto quando indossi questa maglia. So cosa significa la pressione, giocavo a Manchester e l'ho conosciuta, ma anche io ci ho messo un po' ad adattarmi, appena sono arrivato. Come ha detto il mister, però, non si vincono il campionato e la Champions né oggi, né domani. Sono d'accordo che si può ancora migliorare: anche dopo una vittoria, in allenamento, lavoriamo sempre su ciò che non è andato, cercando di fare ancora meglio. Una squadra così forte non si costruisce in tre mesi, dunque chiedo ai tifosi di sostenerci ogni giorno e giudicarci alla fine, quando - ne sono sicuro - potranno festeggiare insieme a noi".

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi