Interviste Primo Piano

Dybala: “Alla Juve grazie a Tevez, ma poi lui…”

dybala tevez intervista
Scritto da Redazione JM

L’intervista di Paulo Dybala ad ‘Olè’: le rivelazioni sul passaggio dal Palermo alla Juventus e l’importanza di Tevez nella sua scelta

Paulo Dybala, fresco di rinnovo fino al 2022 con la Juventus, ha rilasciato una lunga intervista agli argentini di ‘Olè’. Tornando per un attimo all’estate di due anni fa, quando scelse di trasferirsi in bianconero dal Palermo, la ‘Joya’ rivela che è stato decisivo Carlos Tevez. “Quando mi dissero per la prima volta che la Juventus era interessata a me, non ci ho pensato un attimo a dire sì. Tevez per me è un idolo. Mi chiamò dicendo che sapeva che la Juve mi stava per comprare e che lui mi voleva. La prima cosa che gli chiesi fu: “Carlos, ma tu rimani?”. Perché dicevano che io avrei dovuto colmare il vuoto che avrebbe lasciato lui, ma io desideravo giocare con lui. Carlitos mi disse che non sapeva ancora cosa sarebbe successo. Così io scelsi lo stesso di andare alla Juventus. Alla fine ciò che si diceva era vero: avrei dovuto prendere il suo posto, mentre lui andò al Boca”.

Tevez è andato via, ma i risultati della Vecchia Signora non sono cambiati: si continua a vincere anche senza l’Apache, che nel frattempo è finito a giocare in Cina perché ricoperto di milioni. Se Tevez non è rimpianto, il merito è anche di Dybala, che quest’anno sta giocando anche da rifinitore.

“Nell’Instituto ho giocato da falso nueve – continua – . Mi sono trovato benissimo in quella posizione, anche se adesso alla Juve gioco dietro la punta. Il mio idolo rimane un trequartista, anzi “Il” trequartista, Juan Roman Riquelme. Quando ero bambino lo guardavo in televisione e mi piaceva moltissimo. Però non l’ho mai visto dal vivo e non l’ho mai potuto conoscere. Mi piacerebbe incontrarlo. Una volta ho parlato con il fratello di Riquelme per poterlo conoscere, un giorno succederà. Non sono nemmeno mai stato alla Bombonera: un giorno stavo per andarci, era tutto pronto, ma sono dovuto tornare a Torino. Un giorno mi piacerebbe anche solo giocare a muro con Riquelme”.

Dybala: il 21 in attesa del 10?

Alla Juve, Dybala sta dando ancora lustro ad una maglia, la 21, che in passato è stata indossata da due mostri sacri come Pirlo e Zidane.

“Un altro mio sogno era scambiare la maglietta con Buffon. La prima volta che lo affrontai – rivela ancora – , mi avvicinai a lui, però poi mi frenai: “Che faccio? Gliela chiedo o no?”. La seconda volta che lo affrontai ho fatto la stessa cosa, mentre la terza mi sono deciso. “Ce la scambiamo?”, gli chiesi. Lui disse di sì. Fu indimenticabile. Un’altra maglia che volevo avere era quella di Pirlo. – ha aggiunto la Joya – Quando gliela chiesi però, mi rispose che l’aveva promessa a un altro mio compagno che, però, vide quanto ci tenessi e me la diede. Oggi quella maglia è incorniciata e appesa a casa mia. Adesso ho io la sua 21, anche se avrei voluto la 9, ma quella era di Morata”. L’impressione è che dopo il rinnovo, l’anno prossimo potrebbe arrivare anche la maglia numero 10…

1 Commento

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi