Douglas Costa: se lascia il Bayern subito, la Juve ha un’offerta dalla Premier

Il Wolverhampton disposto ad acquistare il brasiliano già a gennaio

douglas costa offerta wolverhampton

Il futuro prossimo di Douglas Costa è tornato di moda in questi giorni dopo le notizie provenienti dalla Germania secondo cui il Bayern Monaco vorrebbe restituire subito il brasiliano alla Juventus. Secondo Romeo Agresti, ci sarebbe stato effettivamente un contatto tra le due società, ma la posizione dei bianconeri è chiara: “Ve lo abbiamo prestato fino a giugno, ora è un problema vostro”. La Juve non ha intenzione di riprenderselo, riassumendo, né per questioni tecnico-tattiche (non rientra nei piani di Pirlo con tutti gli esterni che ha a disposizione) né per questioni economiche (3 milioni di ingaggio da pagare da qui a giugno).

Douglas Costa: il Wolverhampton chiama la Juventus

L’unica possibilità per un rientro immediato a Torino di Douglas Costa è che la Juventus abbia già in mano un’offerta da parte di un altro club. E secondo quanto scrive oggi il Telegraph, il Wolverhampton avrebbe chiesto informazioni a Fabio Paratici perché sarebbe disposto a mettere sotto contratto l’esterno verdeoro già in questa sessione di mercato. Al momento, non si parla ancora di cifre, ma se il club di Premier League presentasse un’offerta congrua, da Torino non direbbero di no, anche perché in estate, con un solo anno di contratto ancora, la cessione è l’unica opzione presa in considerazione.

Il brasiliano via dalla Juve con la regia di Jorge Mendes?

Resta da capire se Douglas Costa sia disposto ad accettare un club di “seconda fascia”, nel quale comunque troverebbe tanti calciatori portoghesi che parlano la sua lingua. Al Wolverhampton, infatti, Jorge Mendes, il potente agente di Cristiano Ronaldo, è una sorta di deus ex machina ed ha portato da quelle parti diversi suoi assistiti. Chissà che non sia proprio il procuratore di CR7 a risolvere quella che per la Juve può rappresentare una brutta gatta da pelare. Un cambio di maglia, servirebbe comunque in primis al giocatore, perché nell’ultimo turno non è stato nemmeno convocato da mister Flick per scelta tecnica.