in ,

Del Neri torna al 4-4-2 e attacca: “Mi criticano come se avessimo perso cinque partite di fila…”

Dopo tre vittorie (sofferte) di fila, la Juventus è incappata nel pareggio di Firenze, che ha sollevato nuove critiche, soprattutto alla guida tecnica di Gigi Del Neri. Il mister, però, non ci sta e sfoga nella conferenza stampa della vigilia di Juventus-Catania tutta la propria frustrazione: “Sembra che si venga da cinque sconfitte di fila… Noi abbiamo l’obbligo di dare sempre il massimo, ma non siamo così presuntuosi da pensare di poter vincere sempre. Il risultato non è stato quello che volevamo, abbiamo cercato di vincere, ma non ci siamo riusciti. Il mio futuro? Non cambia nulla. Sono tre mesi che se ne parla e sembra l’unica cosa che interessi. A me interessa molto di più il campionato e il mio compito è guidare la squadra che deve continuare a lottare per vincere ogni partita”.\r\n\r\nIL CATANIA SARA’ DETERMINATO\r\n“Fino all’1-1 hanno giocato un’ottima gara, poi hanno subito gol su una ripartenza e hanno pagato dazio, ma noi ci aspettiamo una squadra determinata e vogliosa, perché ha bisogno di punti”.\r\n\r\nSI TORNA AL 4-4-2 PURO\r\n“Non abbiamo abbandonato quel modulo semplicemente aspettavamo un giocatore come Alex che ci garantisce maggior equilibrio. Martinez potrebbe avere stimoli importanti? Vedremo se adoperarlo dall’inizio o durante la partita. Anche Toni a Firenze poteva avere grandi motivazioni, ma è entrato a gara in corso. Tutti devono avere stimoli, ci mancherebbe se uno ne trovasse solo contro le ex squadre”.