Editoriali

De Paola: nessun ridimensionamento, il progetto Juve è valido

Scritto da Redazione JM

Se vogliono continuare a farle del male, pre­go, si accomodino signori. Se qualcuno vuole seguire il pifferaio che approfitta dell’en­nesima occasione per attaccare subdolamente la Juve, avanti. Se poi altri, addirittura, presi dall’orrido incantesimo sognano l’emiro che sfili la società alla famiglia Agnelli, allora noi diciamo: qui Torino, pianeta terra, anno 2011. Proviamo a rientrare nella realtà e affrontia­mola per quello che è senza seguire strampala­ti teoremi. Inaccettabile parlare in questo mo­mento di ridimensionamento della Juve. Chi lo fa semina terrore ideologico perché cerca solo di entrare nelle paure del popolo juventino. So­vrapporre in maniera dolosa i vari momenti storici per elaborare disegni destabilizzanti, prospettando una nuova dimensione della Ju­ve, allarga una crepa per creare una falla. Perché certi assurdi ragionamenti nessuno li ha espressi dopo Milan-Juve o dopo Juve-La­zio? O andando indietro nel tempo perché nes­suno ha posto il problema già alla prima stagio­ne di A dopo la caduta in B per calciopoli? O anche alla seconda? Lo diciamo noi perché: per il semplice motivo che questo mondo è go­vernato dalla mannaia del risultato che copre tutto nel bene e nel male. Il problema, quello vero, che mordeva il collo della Juve era già presente e visibile tre anni fa e non si chiama­va ridimensionamento bensì disorganizzazione e coloro che adesso montano in cattedra, pun­tando il ditino accusatore ai primi risultati ne­gativi, allora stavano zitti. Tutti tranne questo giornale che invocava in ogni occasione e già in quei tempi una rivoluzione che attraversasse ogni brandello di pelle juventina. Esortavamo la Juve ad avere un approccio meno distacca­to, più programmatico e capillare, ma ci veni­va risposto che esisteva un “progetto” preciso e che le cose procedevano bene. E invece no. Noi non ci accontentavamo nè di un terzo, nè di un secondo posto in classifica perché quello non era il ruolo della Juve. La Juve era nata per competere a livelli assoluti e per vincere. Quelle battaglie le abbiamo portate avanti con insistenza. E di sicuro, oggi, non siamo così pre­suntuosi (conosciamo altri che lo farebbero) da prenderci i meriti del cambiamento avvenuto nella scorsa estate, ma certamente il nostro la­voro ha pungolato qualche coscienza. La so­cietà si è svestita della propria inconsistenza e ha avuto il coraggio di rifondarsi. Nuovo pre­sidente (energico ed entusiasta), nuovo mana­ger (finalmente è arrivato un direttore genera­le ed è uno dei migliori in assoluto, lo sottoscri­viamo anche adesso), nuovo allenatore (perso­na di polso e preparata), nuovi acquisti. Tutto ciò ha però un prezzo salato, salatissimo. Il “progetto” del passato ha lasciato delle voragi­ni spaventose che si sono sommate alla gestio­ne attuale. I soldi, già: i famosi soldi. I moder­ni cultori del dato numerico, i nuovi soloni del­l’era mediatica elaborano l’originale teoria che si fonda proprio sui soldi: la Juve non spende, quindi si ridimensiona. Che panzana! La Juve ha scucito fra i 150 e i 200 milioni negli ultimi tre anni e nella scorsa stagione è fra le squadre che hanno investito di più. Magari avrà sba­gliato qualche acquisto, ma che c’entra il ridi­mensionamento?\r\nNessun grande giocatore, dicono i profeti del linciaggio. Falso anche questo: Aquilani, Kra­sic, Bonucci, Quagliarella e Pepe sono giocato­ri sui quali programmare il futuro. Ci sono an­che gli errori come dicevamo, ma pure quelli si pagano e costano altri soldi. Ricordiamo che nel 1994-95, quando arrivarono alla Juve che non vinceva lo scudetto da nove anni, Moggi e Giraudo chiamati da Umberto Agnelli, trova­rono la seguente situazione. Citiamo solo i no­mi principali: Peruzzi e Rampulla; Carrera, Torricelli, Kohler, Porrini, Marocchi, Tacchi­nardi, Conte, Di Livio, Baggio, Del Piero, Ra­vanelli e Vialli. Insomma, una struttura già bel­la solida. La Juve di oggi paga ancora calcio­poli (su cui farebbe bene a rivalersi), ma biso­gna darle il tempo di rinascere senza spararle nella culla. Soprattutto se si è cambiata strada dopo averne imboccata una sbagliata. Dalla lo­gica dei due colpi buoni (o presunti tali) all’an­no per far felice la piazza si è passati a un cam­biamento totale: prima rifondazione e poi in­serimento graduale di qualità. Ci vuole corag­gio per farlo in corsa ma soprattutto tanto im­pegno. E ora al primo, preventivabile, periodo di flessione che cosa bisognerebbe fare? Incu­tere insicurezze, aggredire tutti, destabilizza­re, distruggere ogni cosa e invocare l’emiro? O sarebbe più giusto avere pazienza, sopporta­re qualche scivolone e proseguire con le neces­sarie correzioni di rotta in attesa del secondo massiccio intervento nella prossima estate?\r\nNoi sosteniamo che occorre avere fiducia e continuare a costruire perché la Juve ha sem­pre avuto l’intenzione di posizionarsi nel suo alveo naturale, checché ne pensi qualcuno. Questo programma accompagnato all’inve­stimento sullo stadio ha delle potenzialità competitive, economiche e gestionali che lan­ceranno la Juve nei prossimi 15-20 anni. Po­che altre società in Italia o in Europa potran­no fare altrettanto.\r\n\r\n(Di Paolo De Paola per ‘Tuttosport’)

9 Commenti

  • Io non credo si tratti di braccini corti ma di incompetenza. Marotta ha fatto degli errori enormi nel mercato estivo, ed ora si sta ripetendo. Ricordo che i prestiti con diritto di riscatto vanno pagati, o forse qualcuno pensa che sono in regalo?? Quindi egregio giornalista, faccia un pò il conto di quanti giocatori sbagliati sono stati presi e poi ci convinca che possiamo sperare nel progetto Juve con questa gente al comando.

  • Vi dò tre suggerimenti:\r\n\r\nVendere tutto il ciarpame dei vari amauri, jaquinta grosso, melo , sissoko eccetera…. raccattare 50 milioni e acquistare subito Modric un regista con i fiocchi 25 mln e pazzini o suarez 25 mln rakitic a parametro quasi zero e tre undicesimi di squadra sono fatti, con i soldi di buffon si prende un buon terzino tipo kolarov. Se glo agnelli si decidessero a tirare fuoti qualche milione si completerebbe l’opera che sarebbe ripagata dagli effetti champion e dallo stadio!!!! basta mezze pippe tipo barzagli, campioni veri!!!!

  • Se allora lo stadio porterà benefici economici, perchè aspettare ? gli agnelli cosi di braccini corti perchè non prestano soldi alla juve per acquistare tre campioni 100 milioni in modo da riprenderli con l’efetto stadio? se investono 100 milioni ora, ne riprendodono subito 30 dalla champions.. altri 7 /8 dallo sponsor e gli altri 50 60 dallo stadio…. perchè non si spende???????

  • Caro amico juventino,quello che tu chiami”vecchia dirigenza” non sono altro ma le persone messe li da John Elkann ,che mi risulti sia ancora il vero proprietario della Juventus.I vari comici Blanc,Cobolli(mi scuso per le bestemmie)e potrei continuare ….sono stati scelti da Elkann.Vorrei anche ricordarvi che siamo retrocessi perche’ cosi hanno voluto i signori Elkann e Montezuma.Il bravo Andrea,figlio del piu’ grande dei Agnelli(dott.Umberto),temo che conti poco.Il resto,Marotta,Del Neri sono solo delle scommesse tutte da vincere,ma non sarei cosi sicuro.Quanto ai giornalisti spotivi e non,sappiamo come sono fatti,un velo di pieta’ non basterebbe…….

  • quoto in tutto De Paola, ed è sempre quello che ho sostenuto anche io!\r\n\r\nCaro Arturo, tu confondi la “vecchia dirigenza”, quella che è stata dalla B fino all’anno scorso, con quella nuova di quest’anno! Agnelli-Marotta-DelNeri non li si possono incolpare per gli errori che hanno fatto quelli passati, che a quanto sembra hanno lasciato la società in una situazione pessima! Anzi, quelli attuali dovranno far ancora più fatica, e quindi bisogna aver pazienza!! Lasciamo passare quest’anno, di inizio nuovo progetto, e l’anno prossimo. Se alla fine dell’anno prossimo la juve sarà ancora messa male, allora si potrà iniziare a parlarne (anche se forse è ancora troppo presto)

  • caro de paola, ma quanti anni ci vogliono per costruire una squadra, non dico fortissima, ma almeno decente??? i secoli?? come dice arturo qui di sopra…noi tifosi ne abbiamo le scatole piene di questi proclami…ma non vedi ke questa squadra è piena di giocatori mediocri??? come fai a parlare di progetto graduale se si arriva sempre sesti e non si centra la qualificazione champions (x 2 anni di fila, perdendo decine di millioni di euro)?? come si puo’ parlare di progetto se ogni anno è il punto zero?? cmq a giugno la società (proprietà) dovrà mostrare le carte, e li veramente si capirà se questi rampolli viziati hanno a cuore la juventus!!!!

  • Caro De Paola,sono passati 5 anni e di questo “Projecto”ne abbiamo le palle piene.Io vedo solo proclami miseramente smentiti dal campo e tanta,tantissima mediocrita’.La Juve in B la mandata la prioprieta'(El kane- Montezuma)e quelli avevano ed hanno il dovere morale di rimediare a quella vigliaccata.Accertato che questi non sono ne capaci e tirchi ,non rimane che una via solo.CESSIONE IMMEDIATA al miglior offerente.I nipoti non hanno ne la passione ne la capacita’ dei AGNELLI.Se per comprare Barzagli bisogna convocare il consiglio di amministrazione,beh…..lasciamo perdere e tutti a casa.Meglio un arabo oggi che un Elkan per sempre.

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi