De Ligt al Bayern: le due condizioni poste dalla Juventus

Offerta più alta dal Bayern e blocco preventivo del sostituto, altrimenti l’olandese non parte

de ligt bayern juventus

Non si è sbloccata con il blitz di Hasan Salihamidzic a Torino la questione Matthijs de Ligt tra Juventus e Bayern Monaco. La prima proposta dei tedeschi è stata di 60 milioni più bonus (5+5), un’offerta irricevibile per la Vecchia Signora, che ha risposto con una richiesta da 100 milioni di euro. Il ds dei bavaresi è andato via dicendosi ottimista, ma la distanza al momento è di 30 milioni, non proprio bruscolini. Inoltre, durante il colloquio, la Juve avrebbe avvisato il Bayern che prima i bianconeri si dovranno assicurare il sostituto, poi daranno il via libera alla cessione.

La Juve a caccia del sostituto di de Ligt

In questo senso, secondo Tuttosport, sarà fondamentale il prossimo incontro tra Kalidou Koulibaly e Aurelio De Laurentiis, in cui si capirà il futuro del senegalese. Il Napoli gli ha offerto un rinnovo da 6 milioni l’anno e un futuro da dirigente. La Juventus può arrivare anche a 7 milioni annui e per il cartellino propone agli azzurri 30 milioni cash. Attenzione anche a Gleison Bremer, per il quale l’Inter è in vantaggio, ma deve prima risolvere la cessione di Skriniar al PSG. Altri nomi in lizza sono quelli di Presnel Kimpembe, Gabriel e Nikola Milenkovic, mentre la novità assoluta è Pau Torres del Villarreal.