Calciopoli & Co Juventus news News

De Laurentiis: “troppi torti arbitrali, ripenso a Calciopoli”

de_laurentiisSecondo il presidente Aurelio De Laurentiis al suo Napoli “mancano 5 punti scippati dagli arbitraggi”, ma non è sua intenzione per il momento “alzare la voce”, perché la strada scelta è “quella del dialogo”. A tre giorni dall’1-1 di Parma nel match della quattordicesima giornata del campionato di Serie A, con il contestato arbitraggio del senese Matteo Trefoloni, De Laurentiis ha spiegato che la società “per ora accetta”, ma ricorda che in caso di nuovi torti “ci si farà sentire”. Secondo il presidente del Napoli, poi, dietro ai ripetuti errori degli arbitri nei confronti della sua squadra, potrebbe esserci altro: “Ma non diciamo niente finché non scopriremo qualcos’altro di negativo che finora non è emerso“, ha detto riferendosi ai vecchi scandali di Calciopoli e ai nuovi. \r\n”Nel calcio la credibilità è importante. Pensiamo a quello che è successo in Germania e nei paesi dell’Est, da noi sono passati solo pochi anni da quel polverone. Quando qualcosa non mi convince, mi tornano in mente quei giorni”. De Laurentiis ha parlato anche degli obiettivi stagionali del Napoli, ora undicesimo in classifica con 20 punti. “Se non ci creano falsi ostacoli, le prospettive della squadra sono molto alte, il ritorno in Europa, fermo restando che a gennaio siamo pronti ad intervenire”, ha detto il presidente.\r\nChe ha quindi replicato all’ex tecnico Roberto Donadoni, sostituito dopo poche giornate da Walter Mazzarri: “Non sono un preparatore e non sono un medico. Però quando vedo che i giocatori hanno crampi e soffrono, mi viene da pensare che qualcosa in precedenza non è andato bene”. In riferimento all’arbitraggio di Trefoloni a Parma, poi, a fare da supporto alle parole di De Laurentiis, diversi siti internet vicini alla squadra tornano oggi a pubblicare il verbale dell’interrogatorio, come teste, sostenuto dall’arbitro presso i Carabinieri di Roma il 14 maggio del 2006 su richiesta della Procura di Napoli nell’ambito dell’inchiesta penale su Calciopoli. Trefoloni, si ricorda, confessò ai Carabinieri che l’ex designatore Paolo Bergamo e la sua potente segretaria – a loro volta legati secondo le accuse della procura da rapporti preferenziali molto stretti con alcuni club – avevano il potere di indirizzare le partite secondo la loro volontà, ricattando i fischietti in termini di carriera, soldi e visibilità.\r\n\r\nCredits: Sky.it\r\nFracassi Enrico – Juvemania.it\r\n\r\n

1 Commento

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi