Danilo: “La svolta dopo la sconfitta con l’Inter. Arthur ora si vede di più”

Il terzino brasiliano della Juventus elogia il connazionale ex Barcellona

danilo juventus arthur

Danilo è sicuro: c’è anche la Roma in corsa per lo scudetto e quello di sabato sera sarà uno scontro importantissimo per la Juventus. “È una delle squadre migliori d’Italia, con un bravo allenatore e giocatori di qualità. Quindi sì, anche lei partecipa alla corsa scudetto”, spiega il terzino brasiliano a Sky Sport. La Vecchia Signora però ormai è lanciata perché cinque vittorie di fila hanno dato consapevolezza nei propri mezzi ai campioni d’Italia. “La sconfitta in campionato con l’Inter è stata una questione mentale e tattica: è stata dura ma ci ha fatto pensare e ragionare, non ce l’aspettavamo. Ci ha fatto male, siamo ripartiti più forti di prima. Così fanno le grandi squadre – sottolinea l’ex Real e City – cambiano gioco e cambiano atteggiamento per tornare a vincere immediatamente.”

Quest’anno l’apporto di Danilo si sta rivelando particolarmente importante per la Juventus: terzino, destro, sinistro, centrale, i brasiliano ha imparato praticamente a fare tutto. “Io sono un difensore, ma per me è importante partecipare alla manovra. Mi piace impostare da dietro, farlo da centrale e esterno cambia poco. L’importante è avere il pallone nei piedi. Il lancio per il gol di Ronaldo al Sassuolo? Cristiano quando non segna è sempre pronto e in quella partita era davanti ad aspettare la palla giusta. L’ho visto, gli ho dato la palla con molta tranquillità e poi mi ha ringraziato”.

Danilo: “Arthur sarà sempre più importante”

Infine, una battuta sul connazionale Arthur, che dopo qualche titubanza iniziale, sta prendendo in mano il centrocampo della Juventus con classe e personalità. “Si sta ambientando benissimo, adesso si vede di più in campo, tocca più palloni in fase di costruzione. Sappiamo che calciatore può essere e per cosa è venuto qui. Cerchiamo di aiutarlo e di farlo sentire più a suo agio possibile. È già un calciatore importante per la Juve, e di sicuro lo sarà sempre di più”, conclude Danilo.