Cuadrado: “Avvio come nella stagione 2015-16. Barcellona? Non sbaglieremo”

Le parole di Cuadrado prima del match di Champions: “Ronaldo ci manca”, ammette

cuadrado intervista juventus barcellona

Juan Cuadrado suona la carica a meno di 48 ore da Juventus-Barcellona. L’esterno colombiano è uno degli elementi di cui mister Pirlo non può fare a meno e a proposito del match di Champions League, il ‘Panita’ dice: “Dobbiamo cercare di fare risultato, preparare la partita con la voglia e la determinazione di vincerla – dichiara a Sky Sport – Affrontiamo un avversario fortissimo, ma al di là di come andrà sappiamo che siamo dei professionisti e che dobbiamo battagliare e dare tutto fino alla fine”.

Partite come quella di mercoledì sera sono le più attese per un calciatore. Giocare contro avversari di grande livello come Messi è uno stimolo ancora maggiore per far bene. “Sarà una partita bellissima da giocare, contro un avversario fortissimo. Noi dobbiamo mostrare la forza della Juventus – insiste Cuadrado – perché quando affrontiamo queste partite di solito non sbagliamo. Sarà importante avere l’approccio giusto”.

Ovviamente, bisogna fare bene anche in campionato e ad oggi la Juve di Pirlo ha vinto una sola partita sul campo, una a tavolino e pareggiato tre volte, in due casi con avversari ampiamente alla portata come Crotone e Verona. L’inizio in Serie A è tutt’altro che scoppiettante, ma Cuadrado richiama alla mente la stagione 2015/16, quando i bianconeri furono protagonisti di una rimonta epocale. “Mi ricordo quando avevamo 10 punti di svantaggio e alla fine grazie ai nostri campioni abbiamo ottenuto comunque un grandissimo risultato – ricorda il colombiano – Ci sono tante squadre che voglio vincere lo Scudetto. Il Napoli sta giocando molto bene, così come l’Inter. Noi saremo lì a battagliare”. “Pirlo? Cerchiamo di fare quello che ci dice lui e la maniera in cui possiamo far male gli avversari. Ma le altre squadre, quando vedono la Juventus, tirano fuori anche qualcosa in più. Però penso che dobbiamo scendere in campo con la consapevolezza di essere una grande squadra sin dal primo minuto e dimostrare la forza che abbiamo”, aggiunge parlando del nuovo corso tecnico.

Cuadrado: “Oggi difendo meglio”

Quanto alle sue prestazioni, il colombiano si sente oggi un calciatore più completo, anche grazie al ruolo di terzino svolto lo scorso anno. “Dall’anno scorso sono più abituato a difendere, ho lavorato molto su questo con Sarri. Ora anche con Pirlo lo sto facendo – ammette – per fare ciò che mi chiede ed essere un valore aggiunto quando mi spingo in attacco. Piano piano troviamo la miglior forma per poter essere pericoloso e aiutare la squadra”.

Mercoledì sera alla Juventus contro il Barcellona mancheranno tanti titolari, tra cui Cristiano Ronaldo, uno che le partite importanti, così come quelle molto chiuse con le piccole, le può vincere da solo. “È un campione. Sicuramente in queste partite così difficili, con le squadre che si chiudono, la sua forza, la sua mentalità e la sua voglia vengono fuori. In questo momento ci manca – ammette concludendo Cuadrado – certo”.