Chiellini: “A parte la simulazione Kean non ha fatto nulla di male”

chiellini kean cagliari juventus

Giorgio Chiellini ha fatto il capitano al termine di Cagliari-Juventus difendendo Moise Kean da tutto e da tutti. Il baby bomber bianconero è passato per provocatore, ma in realtà ha reagito come una statua di marmo ad ululati e versi della scimmia che gli sono stati rivolti per tutta la partita come dimostrano i video pubblicati sui social network. “L’unica cosa che ci tengo a dire è che Moise è un patrimonio del calcio italiano, è un ragazzo d’oro che sta facendo tutto il meglio quindi non deve uscire per quello che non è. Ho rivisto anche le immagini – continua Chiellini a Juventus TV – , perché poi dal campo non ti rendi neanche conto di quello che succede e non ha fatto niente. Passata la giornata di oggi, si deve pensare a Moise come a Zaniolo, come a Chiesa, come a Barella, come a una figura positiva del calcio italiano, perché se lo merita. L’unica cosa che ha fatto di sbagliato oggi – ammette – è la simulazione, quello sicuramente non lo rifarà. È qui per imparare, ha 18 anni, ma è una figura molto positiva e non si meritava gli insulti ricevuti”.

Quanto alla prestazione e alla vittoria contro i sardi, il capitano della Juventus sa bene che si tratta di un importante passo verso l’ottavo scudetto consecutivo: “Vincere qui con questa prestazione… partite ne ho fatte tante qui a Cagliari e faccio fatica a ricordarne una giocata con questa sicurezza, rischiando così poco, con assenze importanti. Abbiamo dimostrato ancora una volta la qualità della rosa e soprattutto l’interpretazione giusta della partita. Io – insiste – l’ho detto sabato dopo la vittoria con l’Empoli, che siamo stati bravissimi a capire il momento, quello che serviva i questo momento e l’importanza di questi punti che abbiamo preso in queste due partite, che ci permettono di gestire al meglio le prossime settimane”.

Chiellini: “Ottavo scudetto consecutivo loading…”

Ora ci sarà da affrontare il Milan sabato alle ore 18 all’Allianz Stadium di Torino: “Non ci nascondiamo, si sta caricando sempre di più l’ottavo Scudetto e queste partite erano delle trappole, perché se perdi punti, cominci a perdere un po’ di fiducia e non prepari al meglio le prossime due settimane che per noi sono importantissime e – conclude – lo sappiamo benissimo”.

Jmania.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.