Calciopoli, vince la Juventus: niente risarcimento al Brescia

Più il tempo passa più il castello delle falsità di Calciopoli continua a sgretolarsi. Nella giornata di ieri, si è tenuta un’importante udienza per il processo d’appello a Napoli, dove il patron della Fiorentina Diego Della Valle ha rilasciato dichiarazioni spontanee. Buone notizie anche per la Juventus, poiché la Corte ha giudicato inammissibile per motivi procedurali la richiesta di risarcimento danni da parte del Brescia nei confronti del club bianconero.

Per il resto, come riporta ‘Tuttosport’, Moggi e l’arbitro De Sanctis si sono visti respingere la richiesta di ascoltare in aula le telefonate: quantomeno, però, potranno essere lette le trascrizioni e i giudici le potranno ascoltare in camera di consiglio.

La prossima udienza della Corte (presieduta da Silvana Gentile, giudici a latere Cinzia Apicella e Roberto Donatiello) è prevista il 29 ottobre quando tornerà alle 7 parti civili fare le arringhe; poi i responsabili civili e i difensori per posizioni marginali (Mazzei, Lotito, Rodomonti, Foti). Nell’udienza del 5 novembre invece, sono in agenda: Bergamo, Titomalio, Fabiani, Fazi, Scardina, A. Della Valle, Mencucci, Puglisi. Il 19 novembre toccherà a Racalbuto, Dattilo, Mazzini, Meani. Il 27 novembre: Bertini, Moggi, De Santis, Pairetto, Dattilo. Per ora la sentenza è prevista entro fine anno, salvo slittamenti.

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati