Calciopoli & Co

Calciopoli: le 8 domande di Tuttosport a Moratti

Scritto da Redazione JM

L’ultima volta che Massimo Moratti ha dato delle risposte su Calciopoli alla Procura Federale è stato il 3 ottobre 2006. Da allora sono emerse tante, troppe novità su di lui e sull’Inter perché il presidente dell’Inter, azionista di maggioranza ai tempi delle intercettazioni, non faccia luce sui lati oscuri della calciopoli interista, lievitata negli ultimi sei mesi con l’emergere delle telefonate ignorate dagli inquirenti nel 2006.\r\nPer esempio, partendo proprio dalle telefonate che – piaccia o non piaccia – esistono e sono sempre esistite, anche prima che i legali di Luciano Moggi le pescassero dal magma delle 170.000. Esistevano, dunque, anche nell’estate del 2006 quando Borrelli, allora procuratore federale aveva lanciato l’invito a tutti i tesserati a collaborare con le indagini (invito – ironia della sorte raccolto dall’assistente Coppelli, che andò dai Carabinieri di Auricchio per denunciare contatti con l’Inter, ma non venne ascoltato). Ed esistevano anche nel luglio del 2006 quando Guido Rossi decise di riassegnare lo scudetto del 2006 all’Inter, dopo che le sentenze di Calciopoli lo avevano scucito dalle maglie della Juventus. Nelle motivazioni dell’assegnazione si sottolineava come non dovevano esserci dubbi sulla – per così dire – “illibatezza” della società che lo riceveva. Illibatezza che inevitabilmente sarebbe stata macchiata dai contatti con designatori e arbitri.\r\nMoratti sapeva di quelle telefonate, anche quelle di Facchetti, ma proprio nelle intercettazioni con Bergamo si fa rifermento ai contatti più assidui fra l’ex designatore e l’allora presidente nerazzurro (vedi intercettazione del 10 gennaio 2005). Fra le quali ce n’è una (23 dicembre 2004) in cui si parla di un «regalino» che Bergamo avrebbe dovuto ritirare negli uffici di Moratti: cos’era? E sapeva, Moratti, che Facchetti era andato, prima della partita, dall’arbitro Bertini per metterlo sotto pressione con l’ormai famosa battuta del 4-4-4, un atteggiamento che lo stesso arbitro parlando con Bergamo (intercettazione del 12 maggio 2005) definisce: «non piacevole » e «imbarazzante». \r\nInfine, c’è da chiarire il filone delle indagini illegali sull’arbitro De Santis, quelle che Moratti ha già negato il 3 ottobre 2006, ma Tavaroli (l’ex responsabile della sicurezza Telecom che organizzò il tutto con l’investigatore Cipriani) ricostruisce in modo dettagliato e circostanziato nell’interrogatorio del 29 settembre 2006. «Non ho mai visto nessun dossier», dice Moratti a Borrelli. «Ho consegnato personalmente il report a Facchetti », spiega Tavaroli, che oltretutto racconta di un esposto alla magistratura presentato dall’Inter nel 2003, in violazione della clausola compromissoria. Perché l’Inter, spinta dalle rivelazioni dell’arbitro Nucini, non si rivolge all’Ufficio Indagini, ma pensa di avviare un’inchiesta della magistratura? Anche passando dai Carabinieri di Milano, che Tavaroli (nello stesso interrogatorio, per altro in possesso di Palazzi dal 19 marzo 2007) dice di aver messo in contatto con Facchetti perché ne diventasse una «fonte confidenziale» sulle presunte frodi sportive di Moggi e De Santis. Poteva non saperlo Moratti?\r\n\r\n\r\n\r\n(Credits: ‘Tuttosport’)

4 Commenti

  • La Juve il suo scudetto se lo prenderà quest’anno all’uscita delle sentenza contro i merdo*i di denti marci. Potremmo pure stare fuori dalla zona Champions, tanto i merdazzurri ci cederanno il posto perchè li spediranno in C e poi vediamo se avranno ancora il coraggio di vestirsi di bianco come quel goldo*e di Materazzi!!!!

  • fino a che non avremo ottenuto Giustizia sportiva e morale lottiamo contro farsopoli ed i falsi onesti! (e chissenefrega del calcio giocato, che è falsato dal 2006)

  • Poco da dire e una VERGOGNA dnajuve pero’a sto punto vorrei ke la mia squadra si muovesse a comprare giokatori all’altezza dzeko e del wolsburg bale andra’ al real jonhson e agger sono solo ipotesi e questo vale per tutto il resto nn ne posso piu’ abbiamo inconfronto alloro un nucleo della nazionale molto importante ma da solo nn basta ci vogliono 2-3 giokatori ke fanno la differenza tutto qui parlare ancora degli onestoni del cazzo e inutile ormai anno vinto quelllo ke dovevano vincere( rubando sia in champions sia in campionato) per noi e il milan solo figuraccie aparte il 2007 rossonero ora il milan una svolta sele data a investito mi auguro ke lo stesso accada per noi se nn stiamo parlando ma di ke di una squadra prima in classifica ke a 36 punti la squadra di capello ne aveva fatti 30 nelle prime 10 cioe 10 su 10 all 11 sconfitti dal milan con un vergognoso chimenti e molta sfortuna.Insomma eravamo fortissimi eravamo dobbiamo assolutamente tornare anke se sara’ dura ssnza finire almeno un anno in rosso !!!!

  • ————————-Risposte————————————–1) Xche’ eravamo e siamo i piu’ ladri. 2) certo che lo sapevo, gliel’ho ordinato io,ma nn parliamo di un defunto. 3) sicuro, altrimenti come potevamo vincere qualche partita ? 4) mia moglie. 5) ma io nn sono ne leale ne rispettoso,io sono un interista ! 6)L’ho letto si,ed è la storia dell’inter tutta. 7) Non so’,mi avvalgo della facolta’ di nn rispondere. 8) certo che ero a conoscenza,volevamo SMANTELLARE la squadra piu’ forte del mondo,rovinare la societa’ che x decenni è stata simbolo di vittorie e di lealta’.Senza tuttocio’ come avremo potuto vincere qualche scudetto ? Sig? moRATTO, lei sa che adesso ce l’ha nel cxlx ?

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi