Calciopoli & Co

Calciopoli: continua la disinformazione (Giulemanidallajuve)

Scritto da Redazione JM

Il lupo perde il pelo ma non il vizio.\r\nLa Rai torna a parlare di calciopoli e lo fa a suo modo, con un taglia e cuci degno del miglior sarto. Secondo la Rai, nel processo Napoletano (penale ricordiamo), “Moggi cerca nuovi spunti” , i legali dell’ex direttore “commettono un errore sulla madre di tutte le intercettazioni” (il metti dentro Collina), “i testimoni non sostengono la tesi dell’accusa con un serie di non ricordo” e “unica voce fuori dal coro Baldini” . Scivolano completamente quando parlano di uno “strumento decisivo per la condanna di Antonio Giraudo” facendo riferimento alle schede svizzere “non intercettabili” . Riassumendo, un imputato che si difende in un processo penale, per la Rai cerca soltanto “spunti”. La telefonata di Facchetti viene proposta solo per dire che la difesa ha commesso un grave”errore” e non per il fatto che anche l’inter, con un suo dirigente, parlava con i designatori (e non solo). Meritevole è anche il risalto dato dall’insulto di Baldini a Moggi.\r\nDopo quattro anni e mezzo, l’ufficio indagini di Palazzi. è stato costretto a riaprire un’inchiesta, sollecitato dalle circostanze che piano piano sono emerse dalle aule del tribunale di Napoli. I testimoni, oltre i “non ricordo”, hanno ricostruito uno scenario che ha reso ridicole le accuse usate per la condanna nel 2006. La questione delle schede svizzere è davvero divertente per come è stata presentata e mette chiaramente in evidenza quale era lo scopo del servizio: condizionare l’opinione pubblica con informazioni parziali e non corrette. Ed è andata bene! non hanno riproposto il sempreverde Zeman.\r\nSe per la Rai il tempo è fermo al 2006, per qualcun altro è andato avanti. Ospite della trasmissione radiofonica il “Il Bianco e il Nero”, condotta da Massimo Zampini e Antonello Angelini, Paolo Bergamo ha parlato dell’incontro con Palazzi, ben 4 anni e mezzo dopo calciopoli. Vi ripropongo la trascrizione delle parti più interessanti.\r\n“Parlai con l’ufficio indagini..(è tutto verbalizzato fortunatamente) ma non siamo stati creduti in quel momento.. (Bergamo parlò con D’Andrea, sostituto di Borrelli, poi casualmente finito alla Telecom).\r\nL’incontro è avvenuto a Roma (con Palazzi e due suoi collaboratori) che erano già nell’ufficio indagini a suo tempo… E’ uno strano connubio quello di Palazzi (che ora, oltre che inquirente è anche giudicante) che ha con se ex dell’ufficio indagine.. Però al di là delle considerazioni c’è stato un bell’ incontro, durato alcune ore, dove io ho potuto finalmente confermare tutto quello che avevo detto e che era confrontabile con le intercettazione (ufficiali). Quindi, se 4 anni e mezzo fa le cose fossero state fatte con un altro intendo (quindi non di dover condannare in anticipo quelli che sono stati condannati), probabilmente le cose sarebbero andate in maniera diversa…\r\nIo come voi sapete non faccio tifo per nessuno ma per quello che è stato tolto gli arbitri..\r\nL’incontro è stato molto molto interessato per quello che io dicevo da parte di Palazzi e dei suoi collaboratori… si è rifatto un punto, si è parlato quasi esclusivamente delle telefonate che coinvolgevano l’Inter. (Moratti e Facchetti). Certamente noi dovevamo tener tenere conto che abbiamo un processo a Napoli.. quindi alcuni aspetti non li abbiamo potuti approfondire per rispetto di quello che a Napoli si sta facendo.\r\nDi tutto abbiamo parlato, c’è stata proprio un’attenzione particolare da parte di Palazzi ..nel voler capire come sono andate le cose.. Io gli ho fatto vedere nuovamente l’elenco dei numeri di telefono che io in quel momento contattavo..perché io oltre che con i suddetti parlavo con tutti… (con l’udinese… Spalletti e Marino a Bologna c’era Cipollini… a Livorno c’era Spinelli … a Genova c’era Preziosi.., …a Palermo c’era Zamparini e Foschi..a Lecce c’era Semeraro.. a Reggio c’era Foti ..…); parlavo con tutti perché tutti mi cercavano e la federazione non ce lo vietata. E ci raccomandava che noi mantenessimo rapporti di cordialità e di apertura con tutta la società…\r\nLe telefonate trascritte son quelle… (dell’Inter)… e qui dovranno lavorare anche gli inquirenti… nel senso che per ora a Napoli sono uscite le telefonate di Moratti e Facchetti, sono state trascritte e trasmesse all’ufficio indagine; ma qui bisogna che lavori sia la procura e anche l’ufficio indagine; che vadano a ricercare le cose di cui parliamo e verificarle..\r\n…Io devo riportare la verità e far luce su cose che sono accadute e che hanno infangato me, chi stava con me e gli arbitri…ma con un obiettivo preciso, quello di riportare la verità… poi quelle che saranno le decisioni degli organi giudicanti è un’altra cosa…io non voglio entrare in questa…è tutto conseguente. Naturalmente se io fossi Moggi e Giraudo… andrei in giro con il mitra e farei un carneficina perché questi sono stati abbandonati così… addirittura non difesi dalla proprio società… in quel momento è avvenuto questo. Riportiamo la verità, riportiamo ai tifosi e chi ha voglia di capire quello che era il momento e come erano fatte le cose in quel momento. Non ci sono illeciti, nessuno si è mai permesso di inficiare la regolarità del campionato e di conseguenza poi le decisioni dovranno essere prese.”\r\nLo scenario è sconfortante perché sulle reti nazionali, quelle che raggiungono così tanti telespettatori si cerca ancora, con la mala informazione, di confutare la verità. Di acqua sotto i ponti ne è passata tanta, noi sappiamo come informarci e di chi dubitare e la Rai, esattamente come quattro anni fa, rimane non credibile.\r\n\r\n(Di Paola Cicconofri per GiulemanidallaJuve.com)

5 Commenti

  • La Rai ormai è chiaramente filo-interista, non capisco come mai il Presidente Garimberti, molto vicino alla famiglia Agnelli, permette alle varie redazioni sportive di spargere m…da sulla Juve!

  • E’ incredibile,come l’argomento piu’ interessante,visto che ci tocca direttamente x un prossimo futuro,nn sia minimamente preso in considerazione ! Ma i tifosi si sono arresi tutti ? Opp, sanno gia’,come te N°7 quale sara’ l’esito del processo,e quindi,nn commentano?

  • Sembra incredibile quello che si legge in questo articolo-denuncia scritto da Paola. Forse il polipomoratti ha ancora alcune pedine dell’infame scacchiera merdazzurra che lavorano in rai,e questi trasformano la verita’ nella LORO verita’ da far sapere a tanti ignari telespettatori.Ma penso che questo sistema che definirei dittatoriale(dove ci si appropria della tv),x trasmettere cio che interessa la gente venga a sapere, nn riuscira’ nel loro intento.Troppe giornate passate in tribunale,troppe persone ascoltate e RIascoltate,troppe telefonate(purtoppo un tempo nascoste)sono state trascritte.I giudici hanno sentito visto analizzato,nn si potra’ piu’ dire il contrario di fatti accaduti ma soprattutto dimostrati e testimoniati. La rai e gazzetta dello sporc possono anche Riprovarci a nn far sapere la VERITA’,ma questa volta NON ci RIUSCIRANNO !

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi