in

Calciomercato Juventus, Sanchez e Rossi: Marotta ci crede ancora

Sanchez e Rossi: sono questi i nomi più caldi del mercato Juve. Purtroppo la concorrenza è agguerrita, ragion per cui le parti in gioco stanno dando ampio spazio all’arte del bluff. Ieri sembrava che il Barça avesse bruciato Juve e Inter per il cileno dei friulani: trovato un accordo con l’Udinese (30 milioni di euro più Bojan Krcic) ed è pronto a chiudere con l’agente del cileno. Le voci di un affare fatto sono rimbalzate tutto il giorno tra Spagna e Italia, fino a quando il presidente dei friulani, Franco Soldati, ha emesso un comunicato da Udine per calmare le acque. “Nessun accordo è stato raggiunto col Barcellona – scrive in serata sul sito ufficiale – e non è previsto alcun incontro tra i vertici delle due società per discutere di tale trasferimento”. Dove sta la verità?\r\nStesse mosse, in atto, per Giuseppe Rossi con il presunto incontro avvenuto a Barcellona tra Federico Pastorello, procuratore del nazionale azzurro, e il ds dei blaugrana Zubizarreta. Tutto può accadere, ma nell’attesa di chiarire il quadro la Juve continua a monitorare da vicino entrambe le soluzioni. Su Sanchez spera in un ribaltone dell’ultim’ora e sabato Marotta incontrerà il procuratore del cileno. Su Rossi, invece, i bianconeri si sentono in pole in caso di mancato approdo al Barça che, pur con tutto l’appeal del club campione di Spagna e d’ Europa, non può garantire un posto al ‘Pepito’ del Villarreal.\r\nLa Juve ha già sondato il terreno nelle ultime settimane col suo agente ed ha mandato in avanscoperta i giocatori nel ritiro dell’Italia per sponsorizzare l’idea. Rossi è sempre stato sensibile al richiamo juventino, anche per un corteggiamento proseguito negli anni, ed ha compreso che farebbe parte di un progetto ambizioso nella nuova squadra di Conte. Un posto da stella e da protagonista che neanche l’Inter può garantire causa maggiore concorrenza in attacco e gerarchie già acquisite. In più Marotta ha a disposizione un budget per firmare subito un grande colpo (e Rossi costerebbe 30 milioni di euro), mentre Branca deve prima vendere o almeno piazzare qualche esubero. I nerazzurri sono però avvantaggiati dal punto di vista della vetrina internazionale, visto che giocheranno la Champions a differenza di una Juve fuori dall’Europa.\r\n\r\nCredits: La Stampa