Calciomercato: effetto coronavirus sul prezzo di Pogba, la Juve è pronta

Il cartellino di Pogba perderebbe il 28% del valore, la Juventus

calcioemrcato coronavirus pogba

Secondo l’osservatorio del CIES, l’emergenza coronavirus influenzerà anche i valori dei calciatori e inevitabilmente le prossime operazioni di calciomercato. L’economia mondiale rischia di finire in ginocchio per l’epidemia e il calcio non ne sarà immune. Ci saranno inevitabilmente meno soldi in circolazione e i valori dei calciatori, anche dei top, si ridurranno in maniera esponenziale. L’esempio fatto è quello del cartellino di Paul Pogba, 27enne centrocampista francese del Manchester United che piace molto alla Juventus.

Secondo i calcoli del CIES, il cartellino del “Polpo”, in scadenza a giugno 2021 perderà il 28% del suo valore scendendo così da 65 a 47 milioni di euro. Un fattore che giocherebbe a favore della Juve, anche se il destino di Pogba è tutto ancora da scrivere. Il Manchester United ha in mano un’opzione per un prolungamento annuale, ovvero fino al giugno del 2022, ma Mino Raiola non sembra intenzionato a lasciare il suo assistito ancora alla corte dei Red Devils. A parte la Juventus, in lizza ci sarebbe anche il Real Madrid, ma non è da sottovalutare il Paris Saint Germain.

Calciomercato: Ramsey contropartita per Pogba?

Ovviamente, il calo del valore delle rose avrebbe effetti anche sui calciatori della Vecchia Signora, che avrebbe così meno possibilità di fare cassa con le cessioni eccellenti già messe in conto (Miralem Pjanic e Douglas Costa su tutti). Secondo The Sun, tra le contropartite gradite dai Red Devils per Pogba ci sarebbe però Aaron Ramsey, 29enne centrocampista gallese che però nelle ultime partite ufficiale della Juve è stato indubbiamente uno dei migliori in campo.