Interviste

Buffon miglior portiere Uefa dell’anno: “Bella gratificazione”

Gianluigi Buffon insignito di un altro grande premio a Montecarlo: la sua felicità per il riconoscimento e le parole sui sorteggi di Champions

Gianluigi Buffon è stato oggi a Montecarlo dove ha ricevuto il premio come “miglior portiere dell’anno” secondo l’Uefa. Per il numero uno della Juventus, è stato l’ennesimo riconoscimento importante nel corso della cerimonia per i sorteggi dei gironi di Champions League: “Messi e Ronaldo? Bella gratificazione essere in mezzo a loro. Questo premio corona i miei sforzi e mi ripaga di una stagione bellissima finita male. Una partita non può offuscare quello che hanno detto 11 mesi: siamo una grande squadra e io a 39 anni riesco a dare ancora certe risposte. Cardiff? Prendiamo il buono di ogni situazione negativa, quella partita ci ha dato insegnamenti fondamentali. Bisogna vedere se riusciremo metterli in pratica in un’altra finale”, le parole riferite da ‘Tuttosport’.

Quest’anno, nel girone di Champions, la Juve se la vedrà con Barcellona, Olympiakos e Sporting Lisbona.

“Il Barcellona ha cambiato qualcosa che incideva tanto – sottolinea ancora ‘SuperGigi’ – , la squadra ora ha caratteristiche diverse. Noi dobbiamo ricominciare da dove abbiamo finito, da una finale che ha detto che siamo una squadra iper-competitiva. Totti? Abbiamo incrociato gli sguardi due volte: prima perché non tirava fuori mai la pallina della Juve e poi perché ha sorteggiato per noi il Barcellona. Possiamo permetterci anche questa intesa dopo tanti anni”.

Il primo rigore con la VAR è stato assegnato proprio contro la Juventus e Buffon è entrato nella storia parandolo.

“Mi ha fatto un bell’effetto parare il tiro di Farias. Penso che sia utile il Var, ho visto gli animi più distesi rispetto al solito. È chiaro che la tecnologia debba essere usata in maniera più coscienziosa. Secondo me deve essere usata nei casi più eclatanti. Non dobbiamo permettere al Var di arbitrare”, conclude.

Commenta