Interviste

Buffon: “Gioco fino al 2019 se vinciamo la Champions”

Buffon champions 2019
Scritto da Redazione JM

Gianluigi Buffon, numero uno della Juventus e della nazionale italiana, potrebbe proseguire anche dopo i Mondiali di Russia 2018

Gianluigi Buffon fa una mezza marcia indietro. Prima di Italia-Liechtenstein, il numero uno della Juventus e della nazionale italiana, aveva praticamente annunciato l’addio al calcio al termine della stagione 2018. Intervistato oggi da Sky Sport, però, oggi l’estremo difensore ha leggermente cambiato versione.

“In questo momento – ha esordito Buffon – dico che farò ancora un anno da giocatore. Poi ci vorrà un periodo di stacco e poi si vedrà quale strada intraprendere e per cosa svegliarsi al mattino. Quasi sicuramente smetto di giocare, al 99,9 per cento. Poi col presidente c’è una richiesta: ovvero, se dovesse accadere qualcosa di particolare può darsi che…”

Ma cosa ci sarebbe dietro al patto fatto dal numero uno con il presidente Andrea Agnelli? “Se dovessimo vincere la Champions – rivela SuperGigi – potremmo pensare di proseguire per partecipare ad altre due competizioni dopo la Champions… Le due Coppe internazionali. Poi non dico altro, ogni volta rimettiamo in moto certe cose e certe attese. Quest’anno era troppo facile e bello vincerla, saremmo lieti se avvenisse”, insiste.

Insomma, il sogno di Buffon, prima di chiudere la carriera, è ancora quello di vincere la Champions, che a sua volta darebbe l’accesso a Supercoppa Europea e Mondiale per Club. Due trofei che a quel punto il recordman bianconero vorrebbe giocare a tutti i costi, quindi, il contratto con la Juventus sarebbe prolungato fino al 2019.

Quanto al suo sostituto, a meno di sorprese sarà il polacco Szczesny, mentre non c’è nulla da fare per Donnarumma: “Ho parlato un pochino con Gigio – rivela – , gli ho detto quello che pensavo. Sono cose che rimangono fra di noi, ha bisogno di serenità. Ha la spensieratezza dell’età coniugata ad una grande sicurezza dei suoi mezzi. Szczesny ha fatto la scelta migliore, come anche la Juventus. L’anno scorso è stato il miglior portiere per continuità, credo sia un matrimonio intelligente. Capirà la differenza con le altre maglie che ha indossato. La mia ultima stagione dovrà essere esaltante, dovrò tirare fuori il meglio di me. L’ultima partita sarà ricca di sorrisi e felicità, perché sono un uomo felice. Non so se sarà una partita del Mondiale, prima ci dobbiamo qualificare, poi meritare il posto e poi sperare di essere un po’ avanti perché gli ultimi due Mondiali non sono andati bene, ma ora sta nascendo qualcosa di diverso, per merito di Ventura. Io CT? Realmente penso mai, ho in testa altre idee per il mio futuro”.

Buffon e la frase di Bonucci

Nessun dubbio su Bonucci, invece, Buffon la pensa come Chiellini e il centrale viterbese non si muoverà da Torino: “Ho una vita di social quasi inesistente, mi ero perso cosa aveva scritto Leonardo. Forse si riferiva alla stagione che si è conclusa, dandoci una pacca sulla spalla. Abbiamo fatto una stagione straordinaria, al di là della finale persa. Me lo aspetto in ritiro, non penso che abbia desideri diversi dalla Juventus. Io non ho rimpianti di mercato, sono orgogliosamente convinto che la scelta della Juventus sia stata la scelta più giusta. Mi riconosco nei valori della Juventus. E’ un qualcosa che ti tramanda la società e i compagni che ti hanno preceduto. Magari è un limite, però alla fine è una cosa che mi fa stare bene. Penso di essere rispettato, cosa che mi sono guadagnato negli anni. Quando la Juventus perde gli altri gioiscono, è normale. Alcune volte vedere il comportamento degli altri, anche dei giocatori mi fa rendere orgoglioso di essere come sono. Chi si comporta così è miserabile, soprattutto se è uno sportivo e parlo di chiunque abbia scritto dei messaggi disumani“, conclude.

4 Commenti

  • VIDEO – Buffon nel 2013 esultava così per la disfatta dell’Inter del 2002: “5 maggio godo ancora”, ma gioire dei k.o. altrui non era da “miserabili”?
    14.06.2017 11:34 di Napoli Magazine

    Gigi Buffon, portiere della Juventus, nel 2013 esultava così per la disfatta dell’Inter di Ronaldo del 2002: “5 maggio godo ancora”, ma gioire delle sconfitte altrui non era da “miserabili”? Le sue recenti dichiarazioni sulle esultanze avversarie per la sconfitta della Juventus in Champions lo avevano indotto a definire “miserabili” i protagonisti di questi sfotto’. Ma le immagini che seguono cozzano clamorosamente con quanto sostenuto. Epic Fail.

    Nota: Buffon si a xxx e tutte e xxx.

    • Ignorante, il 5 maggio 2002 ha vinto prima di tutto lo scudetto la Juventus. Si gode della sconfitta della diretta concorrente che ci consegna in mano lo scudetto, se l’Inter avesse perso lo scudetto in favore di un’altra squadra a Buffon sarebbe fregato meno di zero.

  • Purtroppo gli anni passano e non si vorerebbe mai lasciare il posto ai giovani .questo succede anche nel calcio.Gigi sei un grande campione .pero’ molla

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi