Il Bayern Monaco irrompe su Massimiliano Allegri

Juve Allegri gol
© foto www.imagephotoagency.it

Massimiliano Allegri nel mirino del Bayern Monaco per la prossima stagione. Dopo aver esonerato Carlo Ancelotti, il club bavarese ha avviato un vero e proprio casting per la sostituzione e sembrava che l’ex Barcellona Luis Enrique fosse il candidato ideale. Nulla da fare, però, perché dopo il vertice tra il tecnico spagnolo e la dirigenza dei campioni dio Germania, l’accordo non è stato trovato. È per questo motivo, dunque, che il Bayern ha richiamato l’esperto Jupp Heynckes, 72enne tecnico che ha già ottenuto grandi risultati sulla panchina dei bavaresi.

Heynckes, però, farebbe solamente da traghettatore fino a fine stagione, poi la dirigenza del Bayern Monaco punterà su un nuovo allenatore. Secondo quanto riferisce ‘Sportmediaset’, che riferisce di voci provenienti dalla Germania, il candidato numero uno sarebbe proprio Massimiliano Allegri, già corteggiato in estate dal Barcellona, prima che fosse scelte l’ex Athletic Bilbao Valverde. L’interesse dei tedeschi, conferma l’accresciuto valore a livello internazionale del lavoro svolto da Allegri sulla panchina della Juventus.

In tre anni, infatti, ha ottenuto altrettanti double (tre scudetti e tre coppe Italia) e due finali di Champions League. Uno score che non poteva passare inosservato agli occhi dei club più blasonati d’Europa. Dopo essere stato nel mirino di Chelsea, Manchester City e Barcellona, dunque, ora Allegri fa gola anche al Bayern Monaco, che rivede in lui più che in Ancelotti le caratteristiche che furono di Giovanni Trapattoni, tecnico italiano che in Germania ha lasciato un grande ricordo e qualche conferenza stampa memorabile.

Allegri lusingato ma…

Un interessamento che sicuramente farà piacere al tecnico livornese, che però ha da poco firmato un contratto che lo lega alla Juventus fino al 2020. Certo, in Germania potrebbe percepire più del doppio degli attuali 7 milioni di euro in bianconero, ma sembra che dopo la Signora, nella mente di Allegri ci sia spazio solamente per la nazionale italiana. Poi, come dichiarato a ‘GQ’, nel giro di 5-6 anni ci sarà il ritiro dall’attività agonistica.