Asamoah: “Ciao Juve, vado via per scelta di vita”

Asamoah addio Juve
© foto www.imagephotoagency.it

Kwadwo Asamoah annuncia ufficialmente il suo addio alla Juve. Nei giorni scorsi, l’eclettico calciatore ghanese, ha effettuato a Milano le visite mediche per conto dell’Inter. Con i nerazzurri, Asabob firmerà, stando a quanto riportano diverse fonti di stampa, un triennale da 3,5 milioni a stagione, mentre la Juventus gli aveva offerto un prolungamento a circa 2 milioni annui. Insomma, dall’Inter il ghanese incasserà in totale 4,5 milioni di euro in più, ma il diretto interessato ci tiene a precisare che non sia stata una questione di soldi, bensì una scelta di vita.

“Non ci sono parole per descrivere quanto sia stato difficile prendere questa decisione – esordisce Asamoah – perché sono immensamente orgoglioso degli anni passati qui e di aver fatto parte della Juventus. Ogni singola persona di questo club avrà per sempre un posto speciale nel mio cuore, dai miei compagni ai miei allenatori, a tutto lo staff e soprattutto ai fantastici tifosi. Nonostante la Juventus mi abbia offerto un nuovo contratto, seppur con grande rispetto per il club e per tutti voi, ho scelto di intraprendere una nuova avventura altrove. Sarà assolutamente difficile giocare contro la Juventus nel futuro, ma ho dovuto prendere questa decisione nell’interesse della mia famiglia e spero e mi auguro che i tifosi possano capire e accettare questa mia decisione. Durante questi gloriosi anni alla Juve, ho avuto l’onore di giocare con leggende del calcio e con alcuni dei migliori giocatori del mondo. Tutto questo mi mancherà. Ai miei due fantastici allenatori, Allegri e Conte, e a tutto il loro staff, va il mio ringraziamento per avermi reso un giocatore migliore. Non potrò mai ringraziare abbastanza i dirigenti che mi hanno portato qui dall’Udinese e hanno cambiato positivamente la mia vita. Il supporto ricevuto dai tifosi anche durante gli infortuni è stato incredibile. Provo un sentimento profondo per questo club – conclude – , al quale sarò sempre grato per tutto l’affetto dimostratomi”.