in

Allegri: “Resto e faccio esperimenti: giocheremo in modo diverso”

allegri scudetto juventus fiorentina

Massimiliano Allegri è visibilmente soddisfatto al termine di Juventus-Fiorentina. La Juve ha conquistato il suo 37° scudetto, l’ottavo consecutivo, il quinto della gestione Allegri: “Sono molto contento – dichiara il tecnico toscano a DAZN – , un traguardo importante e difficile. Vincere non è mai semplice al termine di una stagione straordinaria. Dispiace per l’eliminazione in Champions, martedì abbiamo peccato sotto l’aspetto psicologico. La squadra quando subisce gol non deve scomporsi e disunirsi”. Anche oggi, contro la Fiorentina, i campioni d’Italia sono andati sotto in termini di gol e a livello mentale, ma sono riusciti a riprenderla: “Oggi invece la squadra nelle difficoltà è stata brava, ordinata e alla fine l’abbiamo portata a casa”, ammette Allegri.

Molti tifosi bianconeri hanno deciso di non festeggiare la conquista dello scudetto. Una decisione incomprensibile dato che molte squadre darebbero tutto quello che anno per un solo tricolore, figurarsi per vincerne otto di fila. “È uno scudetto, l’ottavo, da festeggiare. Una cavalcata di 33 giornate, vinto a 5 giornate dalla fine. Era molto importante vincerlo oggi – insiste Allegri – , perché abbiamo un calendario difficile e con tanti giocatori infortunati che difficilmente recupereranno. Ora farò degli esperimenti anche per provare i giocatori in posizioni diverse per giocare in modo differente”.

Allegri: “Resto, ma dobbiamo parlare di programmi”

Insomma, sarà un finale di stagione nel quale Allegri farà esperimenti in vista del prossimo anno. Il tecnico è stato confermato dal presidente Agnelli, ma bisognerà sedersi ad un tavolo per discutere alcuni aspetti importanti. “Ora godiamoci la festa, poi incontreremo la società e parleremo. Resto? Sì – conclude Allegri – , ma dobbiamo parlare di programmi futuri”.

Jmania.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.