Allegri può cambiare modulo alla Juventus grazie a Kostic

Dopo essere partito con il 4-3-3, ora il tecnico bianconero non esclude il ritorno alla difesa a tre

juventus allegri kostic

Con lo sbarco di Filip Kostic a Torino si aprono nuove frontiere tattiche per la Juventus di Massimiliano Allegri. Il tecnico livornese è partito in questo precampionato da un 4-3-3 classico, soprattutto per via degli innesti di Paul Pogba e Angel Di Maria. il Polpo ama partire da mezzala sinistra, l’argentino da attaccante destro. In attesa di Chiesa, dunque, e con Kean che sembrava in grande spolvero, l’allenatore della Juve ha provato un tridente con Vlahovic centrale e l’azzurro inizialmente a sinistra, mentre a centrocampo Locatelli e Zakaria sono sembrati in pole per le altre due maglie.

Il KO di Pogba il primo intoppo

Già con l’infortunio del francese, però, Allegri ha rivisto qualcosa, ma c’è anche la difesa a preoccupare visti gli 8 gol rimediati nelle amichevoli. Bremer e Bonucci, che si trovano meglio a tre, hanno faticato tanto, ragion per cui il serbo ormai ex Eintracht potrebbe rappresentare una svolta.

Kostic riporta la difesa a tre?

Kostic è abituato a giocare esterno sinistro con tre difensori alle spalle, che sia 3-5-2, 3-4-3 o 3-4-2-1 cambia poco per lui. Insomma, il suo acquisto potrebbe aprire prospettive in questo senso, con un trio difensivo composto da Danilo, Bonucci e Bremer (Gatti e Rugani pronti all’occorrenza) e due esterni come Kostic e Cuadrado. Il colombiano potrebbe anche alternarsi con Chiesa, in questo senso, che ha già fatto lo stesso ruolo con Iachini alla Fiorentina. Da non escludere, comunque, un 4-2-3-1 con Di Maria alle spalle di Vlahovic, Kostic a sinistra e uno tra Cuadrado o Chiesa sul versante destro. Al netto di nuovi innesti (Depay, Zaniolo?), ovviamente, che potrebbero a loro volta fornire altre soluzioni.