Allegri punta su Dybala, ma il rinnovo con la Juventus rimane lontano

La Juve vuole prolungare il contratto di Paulo Dybala, ma al momento non ci sono novità concrete

dybala allegri juventus rinnovo

È dal giorno in cui è stato annunciato il ritorno di Massimiliano Allegri alla Juventus che sentiamo ripetere il refrain relativo a Paulo Dybala. Il numero 10 sarà al centro del nuovo progetto, molto più di Cristiano Ronaldo, che se andasse via nessuno si straccerebbe le vesti. Questione di età (CR7 ha 9 anni in più dell’argentino) ma anche di bilanci, perché il portoghese grava sui conti della Vecchia Signora per oltre 80 milioni. L’ultima parola, su questo versante, spetterà però solo al portoghese che ora è concentrato al massimo sugli Europei e della prossima stagione non vuole sentir parlare.

Dybala via a zero da febbraio 2022

Quanto a Dybala, dicevamo, si registra la volontà di proseguire assieme, ma di certo non andando a scadenza. La Joya ha un contratto che terminerà a giugno 2022 e a partire dal prossimo mese di febbraio potrebbe accordarsi con un altro club a parametro zero per la stagione 2022-2023. Insomma, occorre far presto perché il grosso rischio è che uno dei calciatori più di valore della rosa bianconera saluti al termine del prossimo campionato senza che la Juve incassi un centesimo.

Allegri spinge, ma è ancora tutto fermo

Secondo quanto riferisce Tuttosport oggi, nonostante il pressing di Allegri, al momento non risultano novità sulla trattativa. Anzi, l’ultimo contatto con l’agente Jorge Antun risalirebbe a circa un mese fa. Pare che la Juventus abbia messo sul piatto 10 milioni di euro più bonus, ma siamo ancora a livello di indiscrezioni: non sappiamo se la proposta sia sostanzialmente la stessa fatta un anno fa e se la cifra sia considerata congrua da Dybala, che pare avesse chiesto in passato un bel po’ di più. Insomma, è ancora tutto in alto mare e nel mercato guai a dare qualcosa per scontato. Come dichiarato da Fabio Paratici nella conferenza stampa di addio, alcune operazioni si fanno perché sono le situazioni a portarti a farle. Se Non ci sarà l’accordo con l’argentino da qui a fine mese, l’eventualità di una sua cessione tornerebbe inevitabilmente di moda.