Interviste

Allegri: “Orgoglioso dei ragazzi, resto e ci riprovo”

allegri juventus-real madrid
Scritto da Redazione JM

Dopo la seconda finale persa in tre anni, Massimiliano Allegri prova a lanciare messaggi ottimistici alla squadra e alla tifoseria della Juventus

Massimiliano Allegri è deluso dopo la seconda finale persa in tre anni. Eppure, il tecnico toscano, non ha alcuna intenzione di mollare. Mai come ora, ha voglia di rimanere alla Juventus e provare a portare la squadra a Kiev per vendicare la sconfitta rimediata ieri sera contro il Real Madrid. Al ritorno da Cardiff ci sarà il prolungamento di contratto per altri tre anni.

“Sono orgoglioso di quello che hanno fatto i ragazzi durante la stagione – dichiara Allegri facendo eco al presidente Agnelli -. Siamo venuti qui per vincere la coppa e purtroppo non ci siamo riusciti: siamo partiti bene e abbiamo fatto un grande primo tempo, che forse dovevamo chiudere in vantaggio. Mentre nel secondo, complice qualche problemino fisico, siamo un po’ andati in sofferenza. Poi, dopo il 2 a 1, abbiamo mollato mentalmente”.

Ai microfoni Mediaset, l’allenatore della Juventus ha subito voltato pagina e ora si attende dal mercato quei rinforzi che gli consentiranno di riprovarci il prossimo anno.

“Dovevamo rimanere in partita e non lo abbiamo fatto: questo è un passaggio mentale su cui l’anno prossimo dovremo crescere. Se c’è da fare un appunto ai ragazzi è che non dovevamo subire il terzo gol, perché le occasioni le avremmo create. La vita ti dà la possibilità di riprovarci: dovremo capire dove poter migliorare sotto l’aspetto del gioco e della mentalità”, conclude.

Buffon: “La delusione più grande”

Mai come questa volta, Gianluigi Buffon era convinto di vincerla. Anche per questo, la delusione è ancora maggiore per il capitano bianconero presentatosi davanti ai microfoni Mediaset.

“Sì, è una grande delusione perché pensavamo di avere fatto tutto il necessario per potere arrivare a giocarci la finale e poterla vincere. Abbiamo fatto un grandissimo primo tempo nel quale abbiamo messo alle corde il Real – evidenzia – , poi mi lascia a bocca aperta e interdetto una cosa: negli episodi non ne gira mai uno bene. Però è anche vero che per arrivare a vincere la coppa in alcuni momenti bisogna essere più forti delle avversità. Abbiamo corso tantissimo nel primo tempo e forse siamo andati fuori giri senza riuscire a concretizzare il vantaggio e questo ci dispiace. Nella ripresa, la loro forza e la loro attitudine a vincere queste gare si è vista e hanno vinto meritatamente. È normale avere rimpianti e rammarico”, conclude.

1 Commento

  • Troppo ottimismo prepartita, i nostri troppo poco carichi e troppo rilassati. Poi, la qualità in campo ha fatto la differenza. Certamente l’approccio finale alla gara non è da Juventus . Altre squadre avrebbero sputato sangue fino in fondo. Qualcuno in società dovrà chiedersi il perchè di questo crollo fisico e mentale. Poi, sarebbe anche il caso di valutare con il tecnico ( se rimarrà lui) se certi accorgimenti tattici, certi impieghi di alcuni giocatori ( vedi Dybala e Hyguain) devono continuare o se è il caso di provare a far rendere al meglio le nostre migliori risorse senza sfiancarle a recuperare palloni a centrocampo o peggio ancora, nella nostra difesa. E poi, ci aspettiamo una campagna acquisti degna di tale nome. Non ci sono altre strade per salire sul tetto d’Europa

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi