in

Allegri, nuovo confronto con Adani: “Non possono fare tutti gli allenatori”

allegri adani juventus torino

Massimiliano Allegri si è trovato nuovamente faccia a faccia con Daniele Adani al termine di Juventus-Torino. Davanti alle telecamere di Sky Sport, il tecnico bianconero ha analizzato il derby, ma soprattutto ha chiarito alcune cose in merito alla lite avvenuta qualche giorno fa con l’ex difensore dell’Inter. “Sarebbe stata una sconfitta immeritata – esordisce Allegri parlando per prima cosa di Juve-Toro – , perché la squadra ha fatto una buona partita. Il Torino nel secondo tempo non ha mai tirato in porta, nel primo tempo abbiamo regalato il goal su fallo laterale, anche se loro erano più vivi sulle gambe. Devo fare i complimenti ai ragazzi che stanno continuando a fare una stagione straordinaria. Ora recupereremo qualche giocatore per far riposare quelli che giocano sempre. Stasera – insiste – dopo l’1-1 abbiamo avuto dieci minuti in cui potevamo vincere la partita, abbiamo accelerato con troppa fretta, dovevamo gestire il possesso con più lucidità”.

Allegri: “Giuste le critiche, ma contano i giocatori”

A questo punto, Allegri fa un passo indietro e dice ciò che avrebbe voluto argomentare al termine di Inter-Juve del fine settimana scorso, prima che lasciasse il collegamento in polemica con Adani. “Non è tutto da buttare quello che è stato fatto – dice sulla stagione – , si parla tanto dell’evoluzione del gioco ma non è da buttare ciò che ci hanno insegnato i vecchi allenatori. Fare l’allenatore è difficile, ma non può dipendere da quello che viene scritto. Bisogna tornare un po’ indietro, serve avere la sensibilità per capire i momenti, altrimenti tutti potrebbero fare gli allenatori. Altrimenti diventerebbe una cosa scientifica e non è così, poi vengo giustamente criticato, ma serve miscelare un po’ tutto. I principali attori sono i giocatori, noi dobbiamo metterli nelle giuste condizioni. Quando parlavo dei tre mediani al Milan volevo spiegare che in quel momento lì servivano alla squadra. Nella formazione generale di tutti bisogna tornare un po’ indietro in Italia”.

Quanto alla questione personale con l’opinionista Sky, Allegri ha poi sottolineato: “La cosa si è chiusa sabato. Voi magari pensavate che stasera non sarei venuto, invece…”. “Ok il confronto, ma a patto che non ci siano monologhi”, ha replicato Adani.

In conferenza stampa, poi, il tecnico della Juventus ha parlato anche del futuro, smentendo una notizia che circola da qualche ora: “Rinnovo automatico in caso di raggiungimento del 50% degli obiettivi stagionali? Falso. Più falso dei soldi del monopoli”.

Jmania.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.