in

Allegri: “Dybala arrabbiato per il cambio? E’ normale”

allegri juventus roma 1-0

Massimiliano Allegri è contento del titolo di campione d’inverno conquistato dalla Juventus contro la Roma, ma invita i suoi a tenere i piedi per terra. Guai a farsi prendere da facili entusiasmi, la via verso i traguardi stagionali è ancora lunga: “Non abbiamo ancora vinto niente – dichiara a DAZN al termine della partita – , abbiamo raggiunto gli ottavi di Champions e siamo campioni d’inverno, ma l’importante è arrivare al 29 dicembre sopra al Napoli con un bel po’ di punti. Oggi abbiamo trovato un portiere che ha fatto ottime parate, ma la squadra ha fatto una buona partita”. “Dopo l’1-0 – aggiunge analizzando gli episodi – potevamo sfruttare meglio alcune occasioni, loro sono andati un po’ in difficoltà. Poi nella ripresa abbiamo avuto più occasioni noi e più possesso la Roma, ma non abbiamo concesso niente. La vittoria è meritata”.

Ancora una volta si è rivelato preziosissimo l’esperto Mario Mandzukic: “È importante – ammette Allegri – , a livello fisico è generoso ma fa cose importanti anche a livello tecnico. Un giocatore straordinario”. Meno bene Paulo Dybala, che al momento della sostituzione è rientrato negli spogliatoi senza salutare l’allenatore: “Normale che sia uscito arrabbiato, ma ha fatto una bella partita. In quel momento – sottolinea il tecnico della Juventus – avevo bisogno di un giocatore che da solo portasse la palla dalla parte opposta del campo”.

Infine, una battuta sulla Champions League e sulla doppia sfida tra febbraio e marzo contro l’Atletico Madrid: “È un’avversaria che va incontrata, bisogna farsi trovare pronti. Ma ci sono molte partite da qui agli ottavi, adesso dobbiamo pensare al campionato e a vincere la Supercoppa – conclude Allegri – , oltre che andare avanti in Coppa Italia”.

Juventus-Roma 1-0: Chiellini

“Nel secondo tempo potevamo fare un po’ meglio e tenere più palla – dichiara il capitano bianconero a DAZN – , ci siamo abbassati troppo e non riuscivamo a ripartire. Dovevamo essere più cattivi, ma se cerchiamo di fare la partita fino al 90′ rischiamo di fare come a Manchester. Ora riposiamoci un po’ ma mercoledì abbiamo una partita difficile”.