Interviste

Allegri: “Cancelo meglio da terzino, contro l’Atletico giocheremo così…”

allegri bologna-juventus 0-1 intervista

Le parole di Massimiliano Allegri al termine di Bologna-Juventus: il tecnico toscano ha parlato delle “scorie” del match di Madrid

Massimiliano Allegri ammette che oggi contro il Bologna la Juventus ha patito ancora qualche scoria della sconfitta rimediata a Madrid contro l’Atletico di Simeone. “È normale che ci fosse qualche scoria dietro una partita importante come quella contro l’Atlético di mercoledì – ammette il tecnico toscano ai microfoni di Sky Sport – . Nel primo tempo abbiamo concesso un po’ di tiri, meglio nella ripresa, dove abbiamo ribattuto colpo su colpo. Abbiamo portato a casa una vittoria importante, domenica arriveremo allo scontro diretto con almeno 13 punti di vantaggio. Poi ci sarà il 12 marzo, che sarà sicuramente una bella serata. Dobbiamo prepararci al meglio, migliorare la condizione di alcuni giocatori, speriamo di recuperare anche Douglas Costa. Vedremo se la fortuna ci assisterà”.

Cancelo è stato schierato più avanti, ma nella ripresa è stato abbassato a terzino: il portoghese non è piaciuto nel ruolo di ala. Evidentemente, non era la partita adatta, perché con la Lazio in quella posizione aveva fatto bene. “Con la Lazio mancavano 20 minuti, era un’altra partita. Quando parti dall’inizio non è semplice giocare lì. Gli avevo chiesto di dare molta ampiezza – continua Allegri – e in alcuni momenti ha fatto molto bene. Poi è normale che faccia meglio da terzino, dove ha maggiore spazio davanti”.

> QUI HIGHLIGHTS VIDEO GOL E PAGELLE DI BOLOGNA-JUVENTUS 0-1

Allegri: “Al ritorno sarà un Atletico molto coperto”

Ovviamente, uno dei temi più caldi rimane la partita di ritorno contro l’Atletico Madrid, anche se mancano ancora tanti giorni. “La formazione anti-Atletico? Da qui al 12 marzo mi verranno in mente diverse idee, vediamo se qualche giorno prima arriverà l’ispirazione. Troveremo un Atletico diverso, ancora più coperto. Servirà grande aggressività nella palla in uscita, dovremo essere bravi nel velocizzare l’azione. L’infermeria? Pjanic è da una settimana che ha tosse e raffreddore, prima di farlo entrare oggi gli ho chiesto se riuscisse a respirare. Bonucci ha avuto il problema alla caviglia e deve ritrovare condizione. Chiellini è rientrato dopo il problema al polpaccio. Penso che il 12 marzo arriveremo nelle migliori condizioni possibili. Sono ottimista sulle nostre possibilità di qualificazione”.

Prima, però, c’è da affrontare il Napoli di Carlo Ancelotti, la seconda forza del campionato: “Preoccupato? No, è una bellissima sfida tra la prima e la seconda in campionato. Anzi – conclude Allegri – , per noi è un test importante in vista dell’Atlético”.