Allegri: “Avevamo in mano la partita, poi abbiamo perso palle sciocche”

Le interviste rilasciate dai bianconeri al termine di Villarreal-Juventus

allegri villarreal juventus

Massmiliano Allegri ha commentato il pareggio maturato all’Estadio de la Ceramica al termine di Villarreal-Juventus. “Lancio del cappotto? Ci siamo staccati dall’uomo e abbiamo preso due imbucate dalla fine rischiando. Schieramento della difesa? Nasceva dal sviluppare l’ampiezza sugli esterni. Paradossalmente abbiamo preso gol quando la partita stava andando via liscia. Potevamo fare meglio in due circostanze con loro che avevano la linea alta. Poco pressing? C’era più stanchezza più dopo il pareggio. Prendi gol e hai un contraccolpo. C’è stato un momento in cui la partita l’avevamo in mano, poi abbiamo perso qualche palla sciocca a centrocampo. In quei momenti lì non devi concedere, ma neanche loro pensavano di fare gol”.

Buona la prima di Vlahovic: “È un giocatore molto bravo. Ha debuttato nel migliore dei modi contro un avversario come Albiol che è uno dei migliori sempre. Al ritorno senza gol in trasferta che vale doppio? Non cambia in trasferta, va giocata come una finale per vincerla. Dybala e Rugani saranno recuperati, anche Bernardeschi. Chiellini vediamo. Recuperare qualcuno è un bene”.

Vlahovic: “Nessuna esultanza polemica”

“È una cosa bellissima – dichiara Dusan Vlahovic a Sky – perché era emozionante per me giocare stasera per la prima volta in Champions. Non sono contentissimo al 100% perché non abbiamo vinto. Ora guardiamo avanti a testa alta. Del Piero? Una leggenda, un’icona. Non voglio paragonarmi con nessuno. Esultanza polemica? Non so perché si vogliono fare polemiche sempre. Io non leggo i giornali, cerco coi piedi per terra di migliorare ogni giorno. Era un gesto per un membro della mia famiglia, niente di che. Continuità? Abbiamo fatto una buona partita, potevamo vincerla. C’è rammarico ma guardiamo avanti”.

Danilo: “Messi male sul gol subito”

“Abbiamo sbagliato in quel momento – dichiara Danilo a Sky sul gol – eravamo messi male. Sono i dettagli che fanno la differenza, dobbiamo curarli meglio. Abbiamo la possibilità di giocarci il passaggio del turno a Torino. Difesa a tre? Eravamo in emergenza in difesa, per quello abbiamo provato a essere più coperti dietro. Dobbiamo avere la disponibilità di cambiare modulo. In alcuni momenti abbiamo sofferto il loro possesso palla. Diverso atteggiamento in coppa? È una cosa normale per una squadra in crescita. Nel calcio ci vuole continuità, abbiamo cambiato troppo negli ultimi anni quindi ci sta questo cambio di atteggiamento”.