Interviste

Allegri: “Peggio di così non potevamo fare, ma non piangiamoci addosso”

allegri atletico madrid-juventus 2-0

Le parole di Massimiliano Allegri ai microfoni di Rai e Sky Sport al termine di Atletico Madrid-Juventus: il tecnico bianconero ci crede ancora

Massimiliano Allegri ha commentato a caldo la sconfitta rimediata contro l’Atletico Madrid per 2-0: “Dopo aver fatto un buon primo tempo – ha esordito ai microfoni di Rai Sport – ci siamo adeguati a loro, loro giocano così. Siamo stati meno bravi nel secondo tempo, abbiamo perso per due gol su palla inattiva, dove loro decidono le partite. Bisogna fare molto meglio al ritorno”. Il 2-0 è una sconfitta pesante, ma che non fa perdere la fiducia ad Allegri: “Fiducia totale, la squadra ha fatto una brutta partita nel secondo tempo. Peggio così non potevamo fare”.

Come ci si aspettava, è stata una partita molto dura e i bianconeri hanno retto l’impatto solo per un tempo. Allegri si è forse pentito di qualche scelta, come quella di Dybala? “La rifarei la scelta, come tutte le altre che ho fatto. Entrate dure? Loro giocano così, l’arbitro ha diretto bene la partita. Bisogna giocare meglio a Torino, pensando prima al campionato. I gol su palle da fermo? Può capitare, loro sono molto bravi su queste situazioni. Il gestaccio di Simeone? Non mi dà fastidio, qui è sempre così, bisognava continuare a combattere”.

Allegri: “Abbiamo ancora possibilità”

Ai microfoni di Sky Sport, subito dopo, Allegri ha aggiunto: “Non piangiamoci addosso, l’Atletico sapevamo che era difficile e il secondo tempo lo abbiamo sbagliato. Sono mancati molti giocatori? Hanno inciso tante cose, ma il secondo tempo è sbagliato. Può capitare, ci sarà delusione però capita perdere la prima e recuperare. Non sarà semplice, ma ci vorrà l’aiuto di tutti. Sono fiducioso. Cosa farò al ritorno? Non so, mancano ancora tre settimane e non so ancora chi ci sarà a disposizione. Scrolliamoci di dosso questa sconfitta, prepariamoci nelle gare di campionato per il ritorno. Loro in campo aperto non li becchi mai, nessuno li prende. Rientrano subito al minimo passaggio. Dovremo essere veloci e cattivi – conclude – , giocheremo in casa e ci sono le possibilità”.