Allegri: “Abbiamo giocatori in abbondanza. Lapo? Commento da tifoso”

La conferenza stampa di Massimiliano Allegri alla vigilia della semifinale di Coppa Italia tra Juve e Fiorentina

allegri juventus fiorentina conferenza stampa coppa italia

Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Juventus-Fiorentina, semifinale di ritorno di Coppa Italia. “Domani è una partita difficile perché la Fiorentina sta attraversando un ottimo momento di forma. Italiano – aggiunge – sta confermando quanto di buono fatto a Spezia. È in corsa in campionato, domani si gioca la finale come noi. All’andata è stata una partita bloccata, domani sarà diversa. Scelte in base alla Fiorentina? Non so chi farà giocare Italiano, poi cambia poco. La Fiorentina è una squadra propositiva. Domani è una partita secca, non possiamo pensare all’andata. Il vantaggio nostro è che abbiamo due risultati su tre, il resto non conta niente. Dobbiamo affrontare la partita pensando a quello che dobbiamo fare contro una squadra in ottima forma, come noi. Domenica abbiamo pareggiato una partita in cui alla fine abbiamo avuto tante occasioni da gol, alcune sbagliate alcune in cui non abbiamo chiuso l’azione. Dobbiamo aggiustare la fase difensiva. Siamo in un momento clou della stagione, mancano un po’ di forze. Bisogna giocare le partite in modo diverso anche. Il modo di giocare diverso è che non possiamo giocare allo stesso modo di novembre/dicembre. Cambiano le temperature, abbiamo meno energie e le partite pesano di più. Le partite del girone d’andata hanno una valenza, quelle di ritorno ne hanno un’altra”.

Allegri: “Bonucci e Perin titolari”

Quanto alla probabile formazione, ancora una volta Allegri dovrà fare i conti con l’emergenza, ma non intende accampare scuse: “Centrocampisti? Ne ho due, bastano e avanzano. Arthur è morto. Ho Zakaria e Rabiot. Danilo in mediana? Lo possiamo rivedere, vediamo dove. Poi c’è anche Miretti, non lamentiamoci ne abbiamo in abbondanza. Cuadrado o Dybala a riposo? Non ho ancora deciso niente, quelli a disposizione stanno tutti bene. Saranno decisivi i cambi domani, perché la Fiorentina per i primi 60/70′ riesce a tenere un buon ritmo. In quella fase dobbiamo metterci al pari loro. Domani ci sarà l’ultima rifinitura e deciderò chi far giocare. Vlahovic? Ha giocato 14 partite e fatto 7/8 gol. Bonucci giocherà titolare, così come Perin”.

“Lapo? Commento affettuoso da tifoso”

Inevitabile la domanda sulle parole di Lapo Elkann dei giorni scorsi: ovviamente Allegri dribbla ogni tentativo di polemica. “Non dico niente, non commento. Lapo è uno dei primi tifosi della Juve, in maniera affettuosa ha espresso il suo pensiero. Per quanto riguarda le critiche, siamo in un momento decisivo della stagione quindi dobbiamo pensare solo a fare. Dobbiamo consolidare le prime 4 posizioni e arrivare in finale di Coppa Italia, poi fare delle valutazioni in base a come abbiamo lavorato. Alla Juve giochiamo sempre per vincere, i bilanci van fatti a fine stagione, non solo sui risultati. La Coppa Italia se la vinci non conta niente, se la perdi hai fallito l’obiettivo. È il gioco delle parti. In campionato innanzitutto dobbiamo pensare ad arrivare tra le prime 4: contro la Roma, a gennaio, nessuno si sarebbe aspettato che la Juve avrebbe avuto cinque punti di vantaggio a cinque partite dalla fine. È un campionato più equilibrato, con gli episodi a fare la differenza. Noi non abbiamo vinto delle partite, anche giocate meglio, bene, e ci è mancato quel qualcosa in più per far sì che le partite le vincessimo. Su questo bisogna riflettere – insiste – e lavorare per migliorare. L’anno prossimo sarà migliore, ora dobbiamo pensare a cosa fare da qui al 22 maggio”.

Quanto al post Bologna, Allegri ribadisce non ci sia stato nulla di diverso rispetto alle altre gare. “Abbiamo visto il video della partita, come di solito faccio vedere alla squadra. La cosa che abbiamo fatto meno bene è che nel primo tempo e nei primi 10′ della ripresa siamo stati passivi in fase difensiva. Anche nella prestazione brutta la squadra ha creato occasioni. Questa cosa va migliorata – ribadisce – nell’efficacia. Va migliorato il 10esimo posto nei gol realizzati. C’è una cosa che rimane vecchia in campionato, ossia la differenza reti. Da lì non si sfugge”.