Interviste Juventus news

Agnelli e Marotta in coro: “Il progetto procede bene, ma serve tempo”

Scritto da Redazione JM

“Sapevamo che questo sarebbe stato un anno difficile, ma questo non cambia il nostro programma, che mira a costruire una squadra vincente. Un programma che è iniziato quest’estate e che proseguirà nella prossima. Dobbiamo ricordarci la situazione che abbiamo trovato quando abbiamo iniziato a lavorare sette mesi fa: dal punto di vista sportivo venivamo dalla peggior stagione degli ultimi anni. Questo ha fatto sì che la situazione finanziaria e patrimoniale ora sia delicata. La mancata qualificazione alla Champions, la centralizzazione dei diritti tv e la costruzione dello stadio determineranno una perdita significativa nel bilancio di quest’anno. Questo però non ci impedirà di andare avanti con il nostro programma”. Andrea Agnelli si presenta così alla conferenza stampa convocata assieme al DG Beppe Marotta per fare il punto sulla stagione bianconera.\r\nMONTE INGAGGI ELEVATO\r\n“La nostra rosa oggi ha il sesto monte ingaggi europeo, con circa 130 milioni di Euro – ha continuato il numero uno della Juventus – Se si facesse un’equazione tra monte ingaggi e risultati sportivi dovremo arrivare ai quarti di finale di Champions League. Così non è evidentemente, ma questo significa che la Juventus ha comunque risorse importanti. Considerati anche gli ammortamenti, abbiamo una macchina da 170 milioni: una macchina a benzina in cui, però è stato messo il diesel… Ora dobbiamo sistemarla e serve il giusto tempo per farlo”.\r\n\r\nCRITICHE ECCESSIVE\r\n“Per molti opinionisti, fino a tre settimane fa questa era una Juve da scudetto. Noi non ci siamo esaltati in quel momento e non ci abbattiamo ora, perché sappiamo bene quali sono i nostri obiettivi. Non chiediamo certo un atto di fede, ma maggior coerenza”.\r\n\r\nDEL NERI DORMA TRANQUILLO\r\n“Ci sono due elementi che voglio sottolineare – spiega ancora Agnelli – il primo è la fiducia nell’operato delle persone che stanno svolgendo un lavoro egregio, sia dal punto di vista tecnico che dal punto manageriale. In secondo luogo, ribadisco che la nostra è una programmazione basata sul lungo periodo. Come tifoso vorrei sempre vincere 3-0 e quando perdiamo mi arrabbio. Il mattino dopo la gara però devo ragionare da manager, ricordando da dove è dovuto partire Marotta per svolgere il suo lavoro. Se sono soddisfatto? Non posso esserlo, visto che siamo usciti da due manifestazioni. La Juve dovrà arrivare ad essere competitiva in Primavera, perché a quel punto può arrivare la zampata vincente, ma Del Neri può stare tranquillo, perché lo sono io. Se poi saremo nella stessa situazione tra un anno allora avremo un problema, ma come ripeto, sapevamo che sarebbe stato un anno complicato e l’allenatore sta facendo un lavoro egregio. Ai giocatori chiedo di correre fino al 95°, di dare tutto e anche qualcosa di più. A maggio poi Marotta farà le sue valutazioni e vedremo come intervenire”.\r\n\r\nNESSUNA RISPOSTA A MORATTI\r\n“Calciopoli? Hanno chiesto tempo e ne hanno avuto molto. Ora mi aspetto delle risposte riguardo al nostro esposto. Una replica a Moratti? No, su questo tema mi annoia”.\r\n\r\nMASSIMA FIDUCA NELLO STAFF TECNICO\r\n“Abbiamo la massima fiducia in Del Neri – chiosa Marotta – che è in grado di valorizzare al massimo le nostre risorse. Abbiamo un gruppo che è stato profondamente rinnovato e a chi sostiene che avremmo dovuto comprare meno giocatori, ma di maggior qualità, faccio notare come anche con una rosa ampia sia difficile sopperire agli infortuni. Noi dovevamo costruire le basi su cui poi lavorare in futuro. Esattamente quello che hanno fatto squadre come Milan, Inter o Roma negli anni. Per ottenere risultati servono tempo e programmazione”.\r\n\r\nMERCATO? ABBIAMO DIFFICOLTA’ ECONOMICHE…\r\n”Questo è un anno di difficoltà economica per la società – continua il dg bianconero – e inoltre, in questa finestra di riparazione, non si sono presentate opportunità significative. Siamo intervenuti con tempismo per sfruttare l’occasione che si è presentata con Toni, ma siamo anche stati sfortunati, perché è subito incappato nell’ennesimo infortunio traumatico della stagione. Proprio gli infortuni traumatici rappresentato ben l’80% del totale di quelli patiti dai nostri giocatori. e queste sono situazioni imprevedibili che hanno però privato Del Neri di elementi importanti”.\r\n\r\nPAZZINI INTANTO E’ ANDATO ALL’INTER…\r\n“L’interessamento dei nerazzurri è stato repentino e noi in questa sessione di mercato non saremmo potuti intervenire. Stimo molto Pazzini e nutro affetto per lui ma non credo che possa cambiare l’esito di una stagione. I nostri avversari sono competitivi, ma oggi, dopo 21 giornate di campionato, siamo a tre punti dalla terza in classifica. Se avessimo quattro punti in più non saremmo qui a parlare, ma non potremmo comunque dormire sonni tranquilli. Lo scorso anno, con la Sampdoria, eravamo più indietro in classifica e poi ci siamo qualificati per la Champions League, con una squadra di ragazzi. Dunque serve fiducia”, ha concluso Marotta.

10 Commenti

  • una squadra di merda una dirigenza di merda ed una proproetà di merda!!!!!! Siamo stufi!!! Sono 5 anni che abbiamo pazienza ora basta avete rotto le palle con il progetto, la pazienza e altre stronzate del genere!!!! L’inter manda in campo Pazzini e Noi Albertazzi!!! BASTA BASTA BASTA. NON NE POSSIAMO PIU’!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Grande Marmottaa.. ti sei fatto sfuggire dzeko ed anche il pazzo.. bravo bravo.. l’inter vince, gli interisti ci sfottono, noi rosichiamo.. che bello.. un bel progetto, complimenti Marmotta.. complimenti signor Agnelli..

  • E’ vero, sono 5 anni che aspettiamo di vedere risultati ma non è colpa di nessuna delle persone attuali se per i 4 precedenti sono state fatte scelte scellerate che ci hanno portato a ricominciare un’altra volta da capo .. e quando all’inizio dell’anno ci hanno detto di avere pazienza perchè la squadra era nuova tutti abbiamo detto ok…e adesso?? L’anno scorso tutti a dire ci vuole la rivoluzione, ovviamente con lo sfacelo precedente non è che si poteva comprare il barcellona, quindi si è fatta la rivoluzione con quello con cui la si è potuta fare…sono sicura che se invece di 12 acquisti ne avessimo fatti 4 a nostro dire “da juve”, mantenendo molta della rosa precedente e i risultati fossero stati gli stessi saremmo qui a dire che dovevano cambiare tutto…. penso che dovremmo solo cercare di amare questa squadra e questi colori e basta, senza ogni volta insultare le persone che per la nostra squadra lavorano con dignità

  • Amici Sportivi e Tifosi, non molliamo adesso la juventus e la lotta per la verità di farsopoli 2006, non molliamo, perchè è quello che vogliono i vari moratti, paolillo, tronchetti, zanetti, materazzi, zeman, baraldi, baldini, pistocchi, ziliani, liguori, alla rai, a mediaset, al giornale rosa di milano, al corriere della sera, qualcuno agli oragni di palazzo della f.i.g.c e al coni ed altri.\r\nTocca a noi sportivi e Tifosi restare vicino alla Juventus e aiutare Andrea Agnelli fino alla fine. anzi continuiamo a farci sentire con lettere, e-mail, fax, sui blog, dai giornali, alle tv, perchè prima di tutto bisogna ristabilre la verità di farsopoli 2006, la scusante di chi non è sportivo e non sa perdere, che a qulcuno ha giovato molto e non perde l’occasione di giustificare le sconfitte passate. lasciamo lavorare Andrea Agnelli e gli altri in pace, (teniamo presente che sono solo sei mesi che Andrea Agnelli è al verice della juventus), e concentriamo i nostri sforzi a farci sentire su quello che è stato l’inzio di questa situazione, o meglio l’aborto giuridco di farsopoli 2006, che ha segnato la distruzione di un club tra i primi al mondo ed invidiato da tutti. le notizie che giungono dal processo “vero” di Napoli stravolgono ogni giorno quello che hanno fatto credere per 4 anni anni a tutti gli Italiani, cerchiamo di pretendere la verità, nonostante l’ostruzionismo, il mutismo e i perdi tempo di giornali, tv organi federali ecc. continuiamo a farci sentire non molliamo che dalla verità di farsopoli 2006 nascera una grande Juventus. non molliamo stiamo vicino ad Adrea agnelli.

  • Fortunatamente tutto procede secondo i piani……perchè se andava male stavamo lottando per non retrocedere?\n\nMa andate a…………….

  • Cm eviterei d drammatizzare ora… aspettiamo maggio. la roma è a 3 punti e la lazio, ieri vincente contro una fiorentina allo sbando, la si può riprendere. Anche il Napoli voglio vedere con 3 manifestazioni se riesce a tenere quei ritmi

  • Bonta’ sua Presidente.\r\nNon so di che progetto parli,ma so che fa cag…e assomiglia molto a”La Corrida”,dilettanti allo sbaraglio.

  • Domani dopo la sconfitta che patiremo contro l’udinese voglio vedere cosa avranno il coraggio di dire. \n\nMarmotta e Monociglio andate a lavorare al circo

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi