Zeman: "Mourinho non è un grande allenatore" | JMania

Zeman: “Mourinho non è un grande allenatore”

Come sempre all’attacco, in nome del bel gioco. Zdenek Zeman non va in dribbling su Mourinho: «Non ha fatto vedere come allenatore una squadra che giochi a qualcosa che si capisca. Ha portato novità nel calcio italiano? Sì, nella comunicazione con cui nasconde la propria mediocrità. Io penso che si trovi all’Inter perché è un …

zemanCome sempre all’attacco, in nome del bel gioco. Zdenek Zeman non va in dribbling su Mourinho: «Non ha fatto vedere come allenatore una squadra che giochi a qualcosa che si capisca. Ha portato novità nel calcio italiano? Sì, nella comunicazione con cui nasconde la propria mediocrità. Io penso che si trovi all’Inter perché è un grande gestore di  giocatori. Ma l’Inter resta la favorita per lo scudetto. È suo l’organico migliore. Vedrò Rubin-Inter? Un po’». A distanza, arriva la replica gelida del tecnico portoghese: «Zeman? Non lo conosco».
Il tecnico boemo, che ieri  era alla Casa del Cinema di Roma per la prima del documentario «Zemanlandia» di Giuseppe Sansonna, non ha esitato a commentare l’invito di Ranieri alla Roma a dimenticare il bel gioco per fare subito punti. «Mi piange il cuore quando sento dire certe cose. La gente va allo stadio per divertirsi. Ranieri ha puntato su valori con cui non si va lontano».
Zeman sempre contro tutti? No, fa un assist alla scelta più difficile di Lippi. «A me Cassano piace e diverte. Lo vorrei in  una mia squadra: nel tridente giocherebbe da centro-sinistro. Ma non è un’assurdità se non viene convocato in Nazionale. In una squadra il primo concetto deve essere quello del collettivo». Uno sguardo alla classifica. «La Sampdoria sta facendo bene, gioca benino, ma avrà difficoltà a restare in testa». Nuovi tecnici. «Leonardo e Ferrara subito in panchina? Io ho fatto la gavetta   ho imparato tanto. Si vede che loro non hanno bisogno di imparare perché sanno già tutto». Non vede eredi: «Conosco Gasperini da tempo, ma il Genoa è discontinuo».
Zeman e i suoi campioni del cuore. «Il più completo che ho allenato è Totti. Con lui, Rivera e Baggio sono i miei fuoriclasse del calcio italiano. Il rimpianto? Non aver allenato Maradona». Una panchina? «Mi manca. Per ora gioco a golf. Mi sento giovane e aspetto. Ma oggi è diventato molto difficile fare il mio calcio».
(Credits: Gazzetta dello Sport)

2 commenti

  1. CONTINUA A GIOCARE A GOLF; E’ MEGLIO!!!!

  2. Caro PerdeZeman hai scoperto l’acqua calda….lo sa tutta Italia che Mou può fare il ComunicAttore non l’allenatore di calcio

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi