Zaccheroni: "Dimentichiamo Londra e andiamo avanti" | JMania

Zaccheroni: “Dimentichiamo Londra e andiamo avanti”

Alberto Zaccheroni si presenta in conferenza stampa visibilmente dispiaciuto per le ultime deludenti prestazioni dei suoi uomini, ma è altrettanto determinato a superare il periodo no a testa alta. “Non siamo finiti” “La Juve ci deve essere perché non più tardi di sette giorni fa la critica parlava di una squadra che era in netta …

zaccheroniAlberto Zaccheroni si presenta in conferenza stampa visibilmente dispiaciuto per le ultime deludenti prestazioni dei suoi uomini, ma è altrettanto determinato a superare il periodo no a testa alta.

“Non siamo finiti”
“La Juve ci deve essere perché non più tardi di sette giorni fa la critica parlava di una squadra che era in netta ripresa, si diceva che alcuni numeri cominciavano a tornare, che c’era compattezza. Poi abbiamo vissuto un’altra settimana con le solite problematiche di preparare una partita con certi uomini e andare in campo con altri, o con giocatori non al meglio. Affrontare gli impegni in questo modo è difficoltoso, a volte ci riesce bene, a volte non è successo. Solo perché per due partite non abbiamo dato continuità di risultati, non mi va di cancellare cosa c’è stato di buono finora”.

Dimenticare Londra
“Siamo usciti dall’Europa League, ci dispiace, ma non posso permettermi di cancellare il lavoro fatto e guardare solo al risultato. Guardo cosa facciamo di buono e cosa ancora c’è da migliorare. La priorità è mandare in campo chi sta meglio per non mettere i giocatori in difficoltà, come è accaduto in alcuni casi”.

Da parte il nervosismo
“Io parlo sempre con i miei giocatori e dico loro tutto. Purtroppo nel calcio c’è una regola non scritta: quando ottieni risultati sei un fenomeno, se non è così vengono fuori tutte le problematiche. Noi come squadra dobbiamo gestire bene questi momenti e controllare meglio eventuali momenti di nervosismo. Capisco entrambe le posizioni: da un lato non è piacevole sentirsi fischiare appena entrati in campo, ma se vuoi giocare a calcio devi saperci convivere, dall’altra parte capisco le posizioni dei tifosi perché so che certe manifestazioni sono figlie dell’amore per la propria squadra. Condanno però entrambi gli atteggiamenti”.

Più di questo non si può fare
“Noi dobbiamo convivere con il malcontento generale, ma non dobbiamo alimentare tensioni verso l’esterno, anche quando si ha ragione non bisogna farlo. Abbiamo già diverse problematiche all’interno, l’importante è che si percepisca che ce la stiamo mettendo tutta. E su questo garantisco io, perché chi non si impegna non gioca”.

La Samp di Del Neri
“Del Neri punta sul collettivo. E’ una squadra molto compatta. Ho rispetto per un allenatore e per una squadra che sanno dove vogliono arrivare e come farlo. Chiaro che poi si teme la giocata vincente e in questo Cassano e Pazzini sono i più pericolosi, ma non sarebbero determinanti senza l’appoggio della squadra. Quella di Genova è una tappa importante, ma non decisiva per la qualificazione alla prossima Champions. Noi veniamo da una tappa delicata, quella di Europa League: dobbiamo cercare di proporre quanto fatto fino a un mese fa”.

“Il gruppo è sano”
“Confido tanto in questa squadra, nel valore dei miei uomini e giocatori, adesso che li conosco meglio ancora di più. Problemi con Del Piero? Non ne ho né con lui né con altri giocatori”.

(Credits: Juventus.com)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi