Viareggio Cup: Juventus vs Cesena 3-1 (tripletta di Immobile) | JMania

Viareggio Cup: Juventus vs Cesena 3-1 (tripletta di Immobile)

Lascia il segno, come Zorro, e per ben tre volte Ciro Immobile. Grazie alla sua tripletta la Juventus Primavera di Bruni approda ai quarti della 62ª Viareggio Cup. Dopo Legia Varsavia, Vicenza e Livorno, i bianconeri superano anche il Cesena: 3-1. La vittoria di San Giuliano Terme vale doppio, poiché si tratta della prima gara …

cover_ciro_immobileLascia il segno, come Zorro, e per ben tre volte Ciro Immobile. Grazie alla sua tripletta la Juventus Primavera di Bruni approda ai quarti della 62ª Viareggio Cup. Dopo Legia Varsavia, Vicenza e Livorno, i bianconeri superano anche il Cesena: 3-1. La vittoria di San Giuliano Terme vale doppio, poiché si tratta della prima gara a eliminazione diretta.
Chiuso il primo tempo in vantaggio di 1-0, i bianconeri sono stati raggiunti a inizio ripresa. Ci ha pensato però Immobile con una doppia prodezza (il terzo gol è stato siglato su rigore), a chiudere i conti. Il bomber si è portato a quota sei nella classifica marcatori del torneo.
Per conoscere il nome dell’avversaria da affrontare giovedì negli ottavi Bruni e C. dovranno però attendere il sorteggio, dal quale emergerà anche l’accoppiamento da cui uscirà l’avversaria di un’eventuale semifinale.

MARCATORI: 38′ Immobile, 4′ st Tabanelli (C), 15′ e 26′ st (rig.) Immobile.
JUVENTUS (4-2-3-1): Pinsoglio; Bamba, Alcibiade, De Paola, Serino; Giandonato, Marrone; Esposito (dal 31′ st Boniperti), Yago (dal 37′ st Fischnaller), Belcastro; Immobile (dal 41′ st Libertazzi). A disp.: Kirev, Romano, Silvestri, Ferrero, Crivello, Giovinco. All. Bruni
CESENA (4-3-3): Teodorani; Vesi, Fabbri, Caidi, Petti; Dieng, Djuric (dal 27′ st Fall), Rossetti; Turchetta, Gavoci (dal 30′ st Ferri), Tabanelli. A disp.: Grandi, Fonte, Scarponi, Del Pivo, Mezza, Gregorio, Savelli. All. Protti.
Arbitro: Monaco di Tivoli

5 commenti

  1. La gestione dei nostri talenti negli ultimi anni mi è sembrata quantomeno discutibile. Spero abbiano la decenza di riportare a torino Criscito e di promuovere in prima squadra l’anno prossimo Immobile, Alcibiade, Marrone e Fischnaller. Briga chi dimentico?

  2. [email protected]

    dipende come li dai via….un conto è se li dai in comproprietà e li poi giustamente devi pagare per la metà, un conto se li mandi in prestito e per 2-3 anni lo rinnovi allora non hai problemi a fargli fare le ossa! purtroppo non siamo noi ma è l’italia (più precisamente le big) che non crede assolutamente nei giovani preferendo loro i vecchi sicuri 🙁 poi magari andiamo a comprare all’estero un 20enne quando ne abbiamo uno con le stesse caratteristiche in casa. inoltre però dipende dal calciatore, non tutti i giovani si dimostrano fenomeni (de ceglie docet) e ci vuole sempre il giusto equilibrio di “vecchi” e giovani. immobile secondo me sarà il nostro futuro inzaghi/trezeguet

  3. Esistono 2 tipi di cantera…quella dell’Arsenal di Wenger,abile nel prelevare talenti francesi,svedesi,olandesi dai vivai esteri e programmare in 3 anni la loro esplosione in prima squadra…poi c’è la cantera del barca,abile nel crearsi i fenomeni in casa,vedi Iniesta,Xavi,Bojan…noi siamo una via di mezzo..in pratica creamo giocatori,li mandiamo a farsi le ossa e dopo qualche anno li paghiamo il doppio vedi Criscito,DeCeglie,Palladino e forse un giorno Immobile.Scopri le differenze…….magari al Barca non hanno paura di far sedere in panca Ibra al posto di Pedro!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi