Vialli: "Juve, se perdi a Milano sei fuori" | JMania

Vialli: “Juve, se perdi a Milano sei fuori”

Vialli: “Juve, se perdi a Milano sei fuori”

Gianluca Vialli, capitano di tante battaglie, avvisa la Juventus alla vigilia del big match di San siro contro l’Inter. Tra le due squadre, classifica alla mano, a rischiare di più sono proprio i bianconeri: in caso di vittoria, potranno rilanciare le loro ambizioni in campionato, ma in caso di sconfitta, sarebbe addio definitivo allo scudetto. …

Gianluca Vialli, capitano di tante battaglie, avvisa la Juventus alla vigilia del big match di San siro contro l’Inter. Tra le due squadre, classifica alla mano, a rischiare di più sono proprio i bianconeri: in caso di vittoria, potranno rilanciare le loro ambizioni in campionato, ma in caso di sconfitta, sarebbe addio definitivo allo scudetto. “Chi rischia di più? La Juve, credo – dice Vialli a Tuttosport’ – . Ma una sconfitta sarebbe pesante per entrambe le squadre. Mi spiego: se l’Inter perdesse non subirebbe un forte contraccolpo in classifica, comunque positiva, ma sarebbe una botta psicologica notevole. Non battono la Juventus dal 2010 e hanno, forse, l’occasione migliore per tornare a vincere. Un’altra sconfitta minerebbe il morale alle fondamenta, rischiando di crepare la fiducia acquisita nelle prime giornate. Se perdesse la Juve, invece, per me sarebbe definitivamente tagliata fuori dalla corsa scudetto e non solo per una questione di classifica”.

Per la prima volta, però Allegri avrà a disposizione il centrocampo titolare, ma questo probabilmente non basta per poter dire che la Juve sia di nuovo la schiacciasassi delle passate stagioni:

Beh, fino a poco tempo era una squadra che vinceva le partite prima ancora di giocarle – continua l’ex capitano – , incutendo paura negli avversari fino a intimidirli. Ora mi sembra che stia perdendo questa caratteristica: vincendo a San Siro potrebbe ristabilire l’effetto terrore, perdendo aumenterebbe la sensazione di essere battibile. Dopo quattro scudetti di fila si può avere meno appetito, ma soprattutto chi non mangia da quattro anni può essere più veloce ad accaparrarsi ciò che c’è sul tavolo. Però nella Juventus ci sono i nuovi, che vogliono dimostrare di essere all’altezza.

Se ne sono andati Tevez, Pirlo e Vidal, sono arrivati tanti giovani vogliosi di vincere qualcosa di importante: su tutti Vialli vede bene Paulo Dybala:

Per me Dybala può essere il nuovo Tevez. Ha i numeri, ha il fisico, corre, si sbatte per la squadra e non ti lascia mai in dieci, ha il tiro secco. Perché ho visto una luce nei suoi occhi che hanno solo i grandi campioni. E poi non ha soltanto le qualità tecniche, mi sembra abbia anche il senso della squadra, che fa la differenza. Il nuovo Pirlo? Non esiste. Lui non si sostituisce, bisogna trovare un altro modo di giocare. E per me la Juve lo sta trovando. Anzi, di più, sta sviluppando un sistema che diventerà il più utilizzato dalle grandi squadre europee nei prossimi due anni. La Juventus e la Fiorentina di Paulo Sousa rappresentano un’avanguardia tattica che sta disegnando una nuova frontiera.

A colpire particolarmente Vialli, il fatto che Allegri abbia trovato l’equilibrio con una sorta di modulo camaleontico, che durante le gare passa da 4-3-3 a 3-5-2 e non solo:

Partiamo dal fatto che il modo in cui hanno giocato le ultime partite non è ingabbiabile in nessun sistema preciso: si parte da un 4-3-3 che può diventare 3-5-2 o perfino 3-3-4 quando gli esterni si alzano. E questa duttilità tattica si sviluppa anche nella stessa azione. E’ un modulo ibrido – sottolinea Vialli – che mette in risalto le qualità dei singoli. Barzagli che muta il suo ruolo da terzino a centrale è una delel chiavi, poi c’è un centrocampo in cui, adesso che è tornato Marchisio, vedrei bene proprio Claudio in coppia con Khedira davanti alla difesa e Pogba leggermente più avanti: un trequartista atipico, più dinamico e muscolare, in grado di contribuire alle due fasi. Poi c’è Cuadrado, la variabile impazzita che dà fantasia e può coprire contemporaneamente il ruolo di attaccante e centrocampista. E’ un’evoluzione interessante, che ho ritrovato anche nella Fiorentina che, insieme alla Juventus, potrebbe precorrere i tempi in tutta Europa, confermando l’Italia come patria della tattica.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi