Verso Juventus-Brescia: la Vecchia Signora non spaventa i lombardi | JMania

Verso Juventus-Brescia: la Vecchia Signora non spaventa i lombardi

Verso Juventus-Brescia: la Vecchia Signora non spaventa i lombardi

Il pedigrèe di Juventus e Brescia è assai diverso, ma il cammino compiuto nel girone di ritorno è identico. La Vecchia Signora ha conquistato un gran numero di scudetti: 29, ma per le vicende di Calciopoli se ne è vista revocare due, ed è stata costretta a disputare un campionato in B. L’unico della sua …

Il pedigrèe di Juventus e Brescia è assai diverso, ma il cammino compiuto nel girone di ritorno è identico. La Vecchia Signora ha conquistato un gran numero di scudetti: 29, ma per le vicende di Calciopoli se ne è vista revocare due, ed è stata costretta a disputare un campionato in B. L’unico della sua storia. Invece il Brescia ha toccato il massimo rimanendo per cinque anni consecutivi in serie A, dal 2000 al 2005 (le tre stagioni di Carletto Mazzone, una e mezzo con Gianni De Biasi, poi l’infelice chiusura con Alberto Cavasin, appena richiamato sulla panchina della Sampdoria). Troppo spesso sull’altalena, quindi, i biancazzurri, capaci di qualche guizzo felice e di tanti ruzzoloni. Ma nel torneo in corso hanno dimostrato carattere e combattività, uguagliando nel ritorno le prestazioni della Juventus. Sono infatti riusciti a racimolare 11 punti, gli stessi degli avversari di domenica allo stadio comunale di Torino
Dopo aver virato al penultimo posto, con 15 punti, a quattro lunghezze di distacco dalla zona salvezza (Cesena 19), nelle 10 giornate della seconda fase il Brescia ha ottenuto due vittorie e cinque pareggi. Tre le sconfitte. Ora gli uomini di Beppe Iachini sono saliti a quota 26, e la sottile linea rossa che divide la salvezza dalla retrocessione dista un po’ di meno: soltanto tre punti. Inoltre nell’obiettivo non c’è soltanto una compagine, ma due (Cesena e Parma, 29). A dire il vero, era stato Mario Beretta a iniziare il ritorno con uno squillo. Il 2-0 rifilato al Parma aveva illuso oltre misura, tanto che i ko di Palermo (0-1 su punizione all’86’) e al Rigamonti col Chievo (0-3), la sconfitta interna più netta, hanno riportato alla dura realtà, inducendo il presidente Corioni a cambiare nuovamente il manico. Il ritorno di Iachini ha consentito di rimettere in carreggiata una vettura che stava sbandando. I 6 risultati positivi in 7 gare sottolineano la capacità del tecnico marchigiano, abile a ridare credibilità all’assetto e ad accrescere l’autostima nei giocatori; numerosi i pareggi, che, con un pizzico di buona sorte, avrebbero anche potuto fruttare di più.
Nel girone discendente la Juve ha alternato prestazioni brillanti ad altri deludenti. Il 30 gennaio, ad esempio, si è inchinata in casa all’Udinese (1-2), e la domenica successiva ha perso con identico punteggio a Palermo. Poi la reazione, battendo il Cagliari in Sardegna (3-1) e l’Inter in casa (1-0). Nella partita seguente, il crollo: 0-2 a Lecce. Poi sono arrivate le due scoppole interne con Bologna (0-2) e Milan (0-1). La trasferta di Cesena ha confermato l’alternanza di rendimento: dal 2-0 allo spento 2-2. E domenica il Brescia avrà l’opportunità di mettere sul tavolo le fiches e di scommettere su un futuro più roseo.

Credits: Brescia Oggi
Fracassi Enrico

2 commenti

  1. Non è più la vecchia signora ma con questa dirigenza è una giovane sgualdrina di Moratti

  2. A chi fa paura questa juve ???? ma nn scherziamo a nessuno proprio domenica,simpatizzero brescia perche le rondinelle mi sono state sempre simpatiche fin dai tempi di roby baggio e mazzone sembra una legenda ma quella storia e prorpio vera,quanto mi mancano entrambi.E poi voglio il cesena e il catania in B con il bari(che e gia andato..)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi