Verratti: "La Juve mi vuole ancora? Fa piacere" | JMania

Verratti: “La Juve mi vuole ancora? Fa piacere”

Verratti: “La Juve mi vuole ancora? Fa piacere”

Obiettivo del mercato di tante squadre italiane, tra cui la Juve, alla fine Marco Verratti ha scelto Parigi e il Psg. Personalità, talento, umiltà: sono solamente alcune doti che raffigurano le tante virtù di un ragazzo che sta facendo davvero innamorare i francesi. Lo ha intervistato il quotidiano sportivo torinese Tuttosport. Il talento pescarese in …

Obiettivo del mercato di tante squadre italiane, tra cui la Juve, alla fine Marco Verratti ha scelto Parigi e il Psg. Personalità, talento, umiltà: sono solamente alcune doti che raffigurano le tante virtù di un ragazzo che sta facendo davvero innamorare i francesi. Lo ha intervistato il quotidiano sportivo torinese Tuttosport. Il talento pescarese in questo ultimo non ha giocato molto anche per via della squalifica e dell’infortunio che lo ha colpito. Ecco come risponde Verratti su questo punto: «Sicuramente stare lontano dal campo non è piacevole, sto lavorando molto per recuperare dopo l’infortunio (adduttore) che mi ha tenuto fuori lo scorso week end, peccato per la squalifica che dovrò scontare sabato, ma anche da casa starò vicino alla squadra e martedì (campionato a Valenciennes) finalmente potrò giocare».

In molti hanno parlato negli ultimi giorni della sua assenza facendo notare come sia diventato indispensabile per gli equilibri e per il gioco d Ancelotti. Ecco cosa ne pensa Verratti:

No perché se dicono che manchi è perché la squadra va male e non sta vincendo. Siamo un ottimo gruppo, posso mancare io o Ibra o qualunque altro ma c’è chi è in grado di sostituirci, come hanno fatto Matuidi e Chantome contro il Porto.

Si passa poi ad un tema caldo. Una testata non qualsiasi come l’Equipe ha sollevato il problema della lingua e della poca comprensione linguistica tra italiani e stranieri. Ci si è interrogati se nello spogliatoio si parla italiano o francese. Verratti ci tiene a precisare che:

E’ una cosa che si dice e non capisco proprio perché, E’ chiaro che, parlando lingue diverse, magari con qualcuno non ci esci la sera a cena, ma siamo un bel gruppo, anche fuori dal campo. L’importante comunque è che tra di noi ci sia rispetto e questo succede sempre.

E a parte Sirigu nell’articolo dell’Equipe veniva evidenziata la poca attitudine a parlare francese da parte dei giocatori italiani:

Sirigu lo parla benissimo, io mi impegno, ma non è facile. Mi rendo conto che per rimanere qui è importante conoscere la lingua francese. Anche Lavezzi ha iniziato ad andare a lezione.

Ecco come risponde stuzzicato sulle voci di mercato che lo vorrebbero ancora una volta legato alla Juve:

(ride) Dai siamo a novembre. Poi è normale che fa piacere sì perché la Juventus è una grandissima squadra, ma io devo pensare a giocare bene a Parigi.

Parola infine al suo rapporto con Carlo Ancelotti e ad un futuro legato con il mister di Reggiolo un pò sulla graticola dopo i passi falsi nella Ligue 1:

Ancelotti rimarrà qui perché è un grande mister e il periodo negativo non è di sicuro colpa sua. La responsabilità dobbiamo prendercela noi. A volte si caccia il mister perché non si possono cacciare tutti. Ora il momento negativo è passato, abbiamo vinto con il Porto e penso che anche nella prossima partita faremo bene. Da qui a Natale dobbiamo vincerle tutte.

3 commenti

  1. Guardiamoci in casa.
    Credo che il mister abbia capito che Pogba non sarà il vice Pirlo, ha caratteristiche troppo diverse.
    Marrone invece può esserlo e il mister dovrebbe farlo giocare di più.
    Spero che lo capisca. Altrimenti Luke Brown fa benissimo ad andare altrove.

  2. South Park, mai dire mai.

    Si sa come sono questi club gestiti dagli sceicchi, smontano e rimontano il loro giocattolo a piacimento.

    Finora non è il caso di quelli del PSG che stanno entrando nel calcio che conta adesso (anche se ancora non hanno vinto nulla), ma di solito delle prime 2 “vagonate” di acquisti, nel corso degli anni, non sopravvivono tutti, ed anche calciatori meritevoli vengono ceduti per fare spazio ad altri con nomi ancora più altisonanti o più di “moda”.

    Vedi il City, che ha facilmente hanno potuto scaricare Adebayor (che nel City il suo primo anno segnò 14 reti) e Tevez (che nei suoi primi 2 anni di City ha fatto 23 e 20 goal), ora come ora potrebbe fare a meno pure di Dzeko che tanto non è mai titolare fisso.

    Sono club “mangiacalciatori”, specialmente nei primi periodi in cui vogliono vincere tutto e subito.

    Certo c’è da dire che con Ancelotti e Leonardo dovrebbero fare delle mosse più “furbe” ed il mercato del PSG in tal senso mi è piaciuto, anche se hanno sborsato cifre folli hanno preso calciatori utili e bravi.

    Vedremo insomma, ma mai dire mai… magari tra 2/3 anni Verratti verrà messo nel dimenticatoio xD

  3. ѕσυтн-ραяк

    Resta dove sei e cerca di fare bene. Peccato, gli esosi (e tu con loro, i soldi non fanno schifo a nessuno) che detenevano il tuo cartellino non hanno capito che la Juventus (ed il calcio Italiano) sarebbe stata la tua casa per almeno 10 anni. In bocca al lupo, Marco.

    p.s non credo che le “nostre” strade si incroceranno (se non da avversari), il treno è passato e non torna più.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi