Van Der Vaart ci crede: a Gennaio in prestito alla Juve | JMania

Van Der Vaart ci crede: a Gennaio in prestito alla Juve

Potrebbe trasfor­marsi nel più classico dei ritor­ni di fiamma tra due fidanza­ti. Van der Vaart e la Juven­tus si sono corteggiati a lungo in passato, poi le strade si sono divise. Il trequartista olande­se è poi finito al Real Madrid, mentre il club bianconero si è concentrato su altri obiettivi. Lo scenario è tuttavia comple­tamente cambiato. …

van der vaart,Potrebbe trasfor­marsi nel più classico dei ritor­ni di fiamma tra due fidanza­ti. Van der Vaart e la Juven­tus si sono corteggiati a lungo in passato, poi le strade si sono divise. Il trequartista olande­se è poi finito al Real Madrid, mentre il club bianconero si è concentrato su altri obiettivi. Lo scenario è tuttavia comple­tamente cambiato. Van der Vaart si è pentito della scelta madridista («Non credo di re­stare. Potrei andarmene già a gennaio»), la Juventus ha rivo­luzionato il modulo (dal 4-4­2 ranieriano si è passati al 4-2-3­1 di Ferrara).
E soprattutto negli ultimi tempi il Real Ma­drid, come riferiscono alcune fonti spagnole, si è convinto non solo a cedere l’olandese ­poco considerato da Pellegrini – ma addirittura a girarlo in prestito. Ovviamente con un diritto di riscatto prefissato. Le cifre sono tutt’altro che proibi­tive per le casse juventine. Il Real investì 13 milioni di euro per acquistarlo dall’Amburgo. Dopo poco più di un anno in chiaroscuro il club spagnolo sembra disposto a privarsi del nazionale olandese a prezzi di saldo: 8 milioni il punto di par­tenza, ma l’impressione è che si possa chiudere a 5. Senza contare il vantaggio del presti­to: Ferrara potrebbe valutarlo da vicino, rimandando (come anche per Caceres) la decisio­ne a giugno.
La valutazione (bassa) e la (grande) voglia di riscatto di Van der Vaart sa­rebbero di per sè due belle ga­ranzie. Ma in casa Juventus stimola soprattutto una valu­tazione di tipo tattico. Gli espe­rimenti di Ciro Ferrara conti­nuano, detto questo il 4-2-3­1 sembra essere il sistema di gioco più convincente. Con tre trequartisti da schierare con­temporaneamente Van der Vaart, a queste cifre, è una bel­la occasione. Il centrocampista olandese, per caratteristiche, può ricoprire tutti e tre i ruoli dietro il centravanti. Sulle qualità tecniche non ci sono dubbi. Gli osservatori juventi­ni in passato, ai tempi dell’Am­burgo, lo hanno seguito a lun­go. Esiste qualche remora in più, invece, a livello caratteria­le. A Madrid sta dimostrando di soffrire la concorrenza, ca­ratteristica propria dei top club. VICE RONALDO In realtà la scorsa stagione, la prima al Bernabeu, era iniziata alla grande: 4 reti nelle prime tre presenze di Liga (5 a fine sta­gione). I problemi sono iniziati dopo e sfociati definitivamente con la rivoluzione estiva di Flo­rentino Perez. Gli arrivi di Kakáe Cristiano Ronaldo gli hanno ridotto lo spazio. Que­st’anno ha collezionato sei pre­senze in campionato, una sola da titolare. Un motivo in più per cercare il rilancio altrove. La Juventus fiuta l’occasione.

Leggi il resto dell’articolo sull’edizione di Tuttosport oggi in edicola

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi