Turn over e una Juventus finalmente matura | JMania

Turn over e una Juventus finalmente matura

Turn over e una Juventus finalmente matura

(Di Alessandro Magno) Chi mi legge su questa ormai consueta rubrica post-partita sa che da molto tempo parlo di ”maggiore coinvolgimento al progetto” da parte di tutti gli elementi della rosa. Lo scrivevo già l’anno scorso a proposito di Krasic ed Elia e a maggior ragione continuo a sottolinearlo ora. Oggi si chiama turn over, …

(Di Alessandro Magno) Chi mi legge su questa ormai consueta rubrica post-partita sa che da molto tempo parlo di ”maggiore coinvolgimento al progetto” da parte di tutti gli elementi della rosa. Lo scrivevo già l’anno scorso a proposito di Krasic ed Elia e a maggior ragione continuo a sottolinearlo ora. Oggi si chiama turn over, ma è la stessa roba. Per ”maggiore coinvolgimento” o ”turn over” che dir si voglia, non intendo la squadra titolare del campionato e la squadra degli ”sfigati” della coppa Italia, ma intendo 18 (magari 22) titolari , che si giocano il posto di volta in volta e soprattutto che si sentano tutti considerati allo stesso modo dal mister e quindi partecipi dei successi della squadra. Questo a mio modo di vedere è il succo per creare una grande squadra  e questo è lo ”step” a cui ambire quest’anno. Una dimensione più Europea della squadra e meno casereccia. Confesso, in determinate partite dell’anno scorso, due in particolare Juventus-Genoa e Juventus-Chievo, di esser stato fra quelli (e non credo siam pochi) che imprecavano: ” Fai entrare sto caz… di Del Piero, fai entrare sto caz…di Del Piero”. Ovvio che poi mi son arrabbiato quando Conte lo ha fatto entrare a minuti inutili sul risultato di pari. Ora tralasciando ogni polemica sul nostro grandissimo ex-Capitano che non mi pare il caso: cosa voglio dire?

L’anno scorso, il mister non so se coscientemente o meno ha puntato su una rosa assai esigua: direi 14-15 giocatori. Anche in passato s’è fatto spesso questo errore, la famosa Juventus della Triade ha peccato molto in questo. Eccetto forse la Juventus di Capello, quelle di Lippi e di Ancelotti hanno avuto raramente in panchina soluzioni di spessore. Paramatti , Pecchia , Esnaider… mmmh. Poi il calcio è strano, non è così matematico, e Lippi con meno panchina ha fatto più finali di tutti mentre Capello nemmeno una, tuttavia quante volte siamo arrivati a fine anno stanchi, spompi, distrutti? Tante, troppe. Se vogliamo arrivare più in alto possibile la ricetta dev’essere quella di ”tutti titolari”. Per fortuna contro il Chievo si è visto per la prima volta da quando c’è Conte, che si vuol abbracciare questa filosofia. Questo mi fa veramente piacere. Voglio far notare un altra cosa in particolare. Se c’è una squadra che può avere questa filosofia dei tutti titolari in Italia, questa è la Juve. Questo perché fa del gioco e non del singolo la sua idea portante. Va da se che se prescindi da uno-due fenomeni, quando ti vengono a mancare questi, è un grosso problema (vedi Milan), mentre altresì è vero che se hai un gioco, cui tutti partecipano e che tutti conoscono molto bene, ti è molto più semplice cambiare le pedine (vedi Barcellona). Chi gioca oggi meglio della Juve in Italia? Quanti giocatori supergiovanissimi fanno esordire i Catalani ogni anno?

Mettiamoci poi che Pirlo ha un età e non può giocare tutte le partite. Che talenti come Pogba (ma anche Marrone) o si danno in prestito oppure vanno schierati di tanto in tanto, per non bruciarli, e giocatori reduci da infortuni gravi come Isla e Quagliarella, non possono fare la muffa in panchina altrimenti rischiano seriamente di sparire e il quadro è completo. Il turn over diventa una necessità e non un vezzo. Bene quindi la Juve contro il Chievo, bene i cambi e bene il gioco espresso. Quel costante martellamento che pian piano demolisce i nostri avversari. Bene Quagliarella al posto di Giovinco se è più in vena di Seba. L’unica nota leggermente stonata e il perpetrarsi del non riuscire a trovare il gol nei primi tempi. Fatto un poco strano ma tant’è. Comunque sia come dice Conte: ”Si può fare di meglio ma si può fare pure peggio”, quindi dai, bene così. Resta la consapevolezza di una Juventus più cresciuta nella propria autostima e più consapevole dei propri mezzi. Credo di poter dire senza paura di smentite che l’anno scorso una partita come quella di Sabato sera l’avremmo pareggiata (infatti l’abbiamo proprio pareggiata).

Continuiamo così.

Sei qui per dire, che il meglio deve ancora venire. (Ligabue)

6 commenti

  1. Alessandro Magno

    CIao a tutti , il paragone con Cassuius clay mi piace pero’ diciamo che il grande campione spesso subiva in un angolo per poi venire fuori alla distanza , mentre noi subiamo zero.
    Per quanto riguarda la Juve di Capello, effettivamente la grande ”praticità” è simile ma il gioco a mio parere è assai diverso. Quella era una Juve molto pratica e abbastanza dura. Oggi non siamo cosiì fallosi e non vedo lo stasse praticità anzi come ho scritto in passato a volte ci gigioneggiamo troppo fuori aria. Nonostante questo c’è da dire che stiam facendo un sacco di gol e va bene. La Juve di Capello non produceva tutte questeazioni da gol.
    Sicuramente giaccherini, ma anche QUagliarella sono l’esempio che in questa juve si sta zitti e si lavora.

  2. La forza della JUVE è avere in rosa gente come Giaccherini, che se deve stare a riposo lo fa’ senza fiatare e se invece viene chiamato in causa, beh…sabato sera è stato una cosa fuori dal normale.
    Moto perpetuo, continua ricerca della palla da sradicare, poi ripartenze continue, inserimenti con tempismo perfetto, giocate sempre semplici e mai banali, verticalizzazioni, prima al centro, poi a destra a scendere e salire come un terzino, poi di nuovo al centro.
    Se hai uno così al tuo fianco come esempio (o anche Vidal o Marchisio, stessa cosa), per forza sei “costretto” a dare sempre il 110% ed è per questo che Conte può permettersi di fare turnover senza troppi patemi.

    Onore al GIAK, la forza della Juve di Conte è la gente come lui.

  3. Credo che il paragone fatto da @Juvemiajuve con un peso massimo che prima ti sfianca e poi ti finisce sia più che calzante.
    Comunque ho una perplessità:questa squadra a mio parere ha le potenzialità e soprattutto l'”idea vincente” per essere la più forte del mondo,come sottolineanto nell’articolo.@Alessandro Magno citava il Barcellona,che io idolatro,e proprio riferendomi a questo illustre esempio mi chiedo:ma siamo sicuri che la Juventus di adesso stia percorrendo la strada giusta per essere la più forte di tutti?Perchè,come ho scritto in un altro post,questa Juve mi ricorda quella di Capello dal punto di vista del gioco:forse non sarebbe più giusto pensare di tornare a privilegiare la qualità del gioco(e dei giocatori!!!)e pensare anche ad una strategia a lungo termine ispirata a questo,cosa che la Juventus a mio avviso non ha maturato così appieno al contrario del Barcellona?

  4. Si è una Juve più matura e che ci fa seguire le partite con molta meno apprensione dell’anno scorso. le sensazioni sono proprio positive. Bene. Saluti

  5. Certe vittorie son propio quel vizio che non voglio smettere…smettere mai … 😀

  6. Nel primo tempo la Juve non ha segnato.Ma l’hanno scorso di questi tempi la Juve esprimeva un gioco piu’ frenetico, assalti continui, per carita’ ben orchestrati, che costringevano pero’ l’avversario nella propria meta’ campo, con la conseguenza di intasare le aree fino all’inverosimile. Quest’anno sia per necessita’ di dosare le forze, sia per acquisizione ormai completa del modulo-CONTE,mi sembra una squadra piu’ attendista, diciamo un po’ alla CASSIUS CLAY, pronta a sferrare l’attacco letale nel momento giusto.In pratica ha “sofferto” solo nel primo tempo col Genoa, che pero’ ha giocato a ritmi elevatissimi. Ho fiducia in questa squadra perche’ quando verranno i momenti difficili, e verranno,sapra’ prendere le giuste contromisure sapendo di avere un’organico di primordine dove tutti sanno di essere titolari a seconda delle necessita’.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi