Juventus | Trezeguet | "Che goduria il 5 maggio"

Trezeguet: “Che goduria il 5 maggio, la finale contro il Milan il più grande rimpianto”

Trezeguet: “Che goduria il 5 maggio, la finale contro il Milan il più grande rimpianto”

David Trezeguet, ex attaccante della Juventus che sta chiudendo la carriera in India assieme ad Alessandro Del Piero, ha rilasciato una lunga intervista alla trasmissione “La tribù del calcio”, in onda venerdì alle 23 su Premium Calcio. Il franco-argentino ha ripercorso alcune tappe della sua gloriosa carriera e ha ricordato quali siano state le più …

trezeguet-5-maggioDavid Trezeguet, ex attaccante della Juventus che sta chiudendo la carriera in India assieme ad Alessandro Del Piero, ha rilasciato una lunga intervista alla trasmissione “La tribù del calcio”, in onda venerdì alle 23 su Premium Calcio. Il franco-argentino ha ripercorso alcune tappe della sua gloriosa carriera e ha ricordato quali siano state le più grandi soddisfazioni, così come le più cocenti delusioni. “Il dolore più tremendo – ricorda ‘Trezegol’ – fu perdere la finale di Champions a Manchester. Eravamo fortissimi, avevamo vinto un altro scudetto e incontravamo il Milan che invece in campionato aveva fatto male. Ci sentivamo superiori, ma andò così: la partita non fu bella, la perdemmo ai rigori. Resta il rammarico più grande di tutta la mia vita”.

La soddisfazione più grande, manco a dirlo, lo scudetto del 5 maggio 2002, quando l’Inter si suicidò all’Olimpico contro la Lazio: nonostante diversi calciatori biancocelesti non si impegnassero a fondo, i nerazzurri furono capaci di perdere uno scudetto già vinto, consegnandolo alla Juventus:

La gioia più grande è lo scudetto del 2001/02, quello del 5 maggio, con l’Inter che si fa battere a sorpresa in casa della Lazio e noi che vinciamo a Udine e scavalchiamo i nerazzurri all’ultima giornata. Per me fu il primo Scudetto, inoltre la Juve non vinceva da tempo: fu molto bello.

Alla Juve Trezeguet ha incontrato tanti campioni, ma anche grandi uomini:

In generale, dell’esperienza in bianconero, ricordo l’Avvocato Agnelli: non si stancava mai di ripeterci che voleva che la Juventus fosse la squadra migliore del mondo. Forse non avremo mai incantato come gioco, ma come voglia di vincere non c’era nessuno come la Juve. Arrivai alla Juventus a 22 anni – prosegue – e ricordo che firmai il contratto poco prima di giocare la finale dell’Europeo, guarda caso proprio contro l’Italia. Ero reduce da cinque anni al Monaco e feci il salto di qualità che avevo sempre sognato. Alla Juve trovai giocatori straordinari come Inzaghi, Del Piero, Davids, Montero: anche grandi uomini, come avrei scoperto nel tempo. Ed ebbi la fortuna di ricevere consigli da campioni francesi che giocavano, o avevano giocato, per la Juventus: Deschamps, Zidane, Platini. Fu un’esperienza straordinaria, fin dal primo ritiro a Chatillon – conclude – , con lo stadio sempre pieno di tifosi. Ogni giorno che passava, crescevo.

Un commento

  1. Capitan sparrow

    C’eravamo anche noi a Chatillon. Che bei momenti, con lo stadio sempre pieno di tifosi. Si entrava gratis, e a fianco del piccolostadio c’era il summer village, un punto di ritrovo con un piccolo store e un grande tendone dove c’erano giochi per i bambini e dove alle 17.00 un giocatore della Juve si concedeva alle domande dei tifosi e scendeva dal palco per firmare autografi. Oggi il ritiroè a Vinovo a porte chiuse; che tristezza…..

    Detto questo, grande David, sarai sempre nei nostri cuori. Bianconero dentro.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi