Trasferimenti Motta e Milito: guai in vista per Moratti e Preziosi | JMania

Trasferimenti Motta e Milito: guai in vista per Moratti e Preziosi

Il prossimo 17 giugno saranno giudicati i Menarini (proprietari del Bologna) e il DS dell’Arezzo, Ceravo­lo, per i rapporti conviviali intrattenuti con lo squalificato (seppur non più tesserato FIGC) Luciano Moggi. E allora per una sorta di par condicio il procuratore Palazzi ha deferito in queste ore con l’invio della chiamata in udienza di Massimo …

Il prossimo 17 giugno saranno giudicati i Menarini (proprietari del Bologna) e il DS dell’Arezzo, Ceravo­lo, per i rapporti conviviali intrattenuti con lo squalificato (seppur non più tesserato FIGC) Luciano Moggi. E allora per una sorta di par condicio il procuratore Palazzi ha deferito in queste ore con l’invio della chiamata in udienza di Massimo Moratti ed Enrico Preziosi, con Inter e Ge­noa per responsabilità diretta, per la fami­gerata vicenda della cessione di Motta e Milito (ma anche di pezzi di Bonucci, Ac­quafresca, Viviano) il 21 maggio del 2009.
Sì, perché è vietato trattare con il Preziosi, «inibito in via definitiva» diretta­mente, come da lui candidamente ammes­so su vari organi di stampa (ma anche agli uomini della Procura federale quando in­terrogarono i due l’estate scorsa) proprio dal presidente genoano inibito per cinque anni con richiesta di preclusione (la stessa che incombe su Moggi e Giraudo, per in­tenderci). L’articolo 10 del codice di giustizia concepito nel post Calciopoli vide anche l’ex DS della Juve, Secco, squa­lificato per un mese per aver trattato Cri­scito con lo stesso Preziosi, poiché vieta i rappor­ti e i contatti d’affari con i paria della squa­lifica. Non solo, addirittura, pregiudica gli effetti di quei contratti sottoscritti tra un presidente nel pieno delle sue funzioni (Mo­ratti, in questo caso) e uno che non può par­tecipare alle trattative (Preziosi, nell’estate del 2009).
I contratti di Motta e Milito, dunque, sareb­bero nulli. Preziosi avrebbe, secondo le indiscre­zioni, confermato a Palazzi. «Abbiamo tro­vato l’ accordo per la cessione di Milito e Thiago Motta all’ Inter. Ci siamo privati di due pedine importanti. Mi sono incontrato a colazione con il presidente Mo­ratti e abbiamo raggiunto l’accordo», disse dopo l’incontro al Palazzo Saras, Preziosi. Ma l’articolo 10 del codice recita al secondo capoverso: «È fatto divieto, nello svolgimen­to di attività (di compravendita, ndr), di av­valersi di soggetti non autorizzati e di ave­re comunque contatti con tesserati inibiti o squalificati. In questi casi gli atti, anche se conclusi, sono privi di effetto».
In soccorso di Genoa, Inter (deferite an­ch’esse nel procedimento numero 8430/139 firmato da Palazzi il 31 maggio scorso) ver­rebbero i pronunciamenti della Commis­sione tesseramenti: per i dilettanti l’artico­lo 10 provoca tutti gli effetti anche ex tunc, quindi partite perse per irregolare posizio­ne del tesserato con cessione nulla; per i pro invece (da sentenza Giacomo Galli 2002) gli effetti sono ex nunc, ovvero la nullità de­gli atti sarebbe non già da quando Preziosi incautamente rivela l’accordo con Moratti, ma dalla sentenza sportiva cioè da adesso. Squalifiche in vista, comunque.

(Credits: Tuttosport)

9 commenti

  1. [email protected]

    x gengiskan
    si teoricamente dovrebbero subire tutto ciò che hai detto ma dato che qui da noi la giustizia è quella che è io mi accontenterei degli scudetti nostri e la loro penalizzazione in campionato…

    x ezio
    ma perchè voi sfigati dovete sempre venire a raccontare le vostre balle nei nostri “ritrovi”?? dimostrate solo che avete torto, perchè se uno sa di aver ragione non va da altri a far valere le proprie ragioni, ma si sta zitto sapendo di aver ragione e lascia gli altri nella propria ignoranza

  2. Ciao ragazzi, vedo che rodete rodete al fine di trovare qualcosa che finalmente vi faccia dire…ecco…anche loro sono colpevoli. D’aacordo, una soddisfazione,ma…se loro sono colpevoli,..non vuol dire che voi siate innocenti. Quindi, prima imparate ad ammettere che siete tifosi di una società che ha IMBROGLIATO e che i primi ad essere imbroglaitri siete stati proprio voi, credevate, applaudivate, ridevate, saltavate gioiosi…poi vi siete accorti che era tutta una farsa. State cercando le soddisfazioni dei poveri. A proposito, se non vi ricordate, andate su youtube, guardate le interviste e conferenze stampa di Ferrara, Cannavaro, Buffon, Lippi ad inizio anno, a agosto, tutti dicevano..la Juve, lo scudetto, ci saremo anche noi, saremo noi i vincitori…avete creduto anche a quelli……ma qunado capirete qualcosa di calcio voi?? Ciao

  3. Gengiskan pretendi troppo mi bastano gli scudetti ridati e lo smantellamento della squadra, la champions l’anno vinta sul campo con molta fortuna, erori arbitrali a nn finire evabbe’ ma l’anno vinta nn figurano neanke giocatori ex juve dagliela questa soddisdazione a sti poveracci, era mezzo secolo ke nn la vincevano dai ne passera’ un altro mezzo prima ke la rivinceranno quindi.

  4. Se esiste una giustizia giusta ,
    se la legge è uguale per tutti ,
    se il potetre dei soldi non influenzasse il calcio ,
    se il sig Rossi fosse imparziale:
    1 INTER IN SERIE B
    2 CAMPIONATI TOLTI RESI ALLA JUVE
    3 COPPA CAMPIONI 2010 AL BAIER MONACO
    4 COPPA ITALIA 2010 ALLA ROMA
    Chi ha orecchi per intendere intenda.

  5. Cosa fa sto pezzo di m…a nel nostro sito? Dai della ladra alla tua sorella.

  6. Sarebbe gia’ in galera per la truffa delle azioni “Saras”,ma siamo in Italia….e sta banda di delinquenti la fa sempre franca.

  7. [email protected]

    ad avercelo tutto il potere che ha moratti….

  8. Sono sempre più convinto che non accadrà nulla di tanto rilevante, dopo tutte queste nuove situazioni poco chiare. Non passeranno quello che abbiamo passato noi!!! 🙁 Ke amarezza

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi