Thuram contro i cori razzisti: "Diamo 3-0 a tavolino!" | JMania

Thuram contro i cori razzisti: “Diamo 3-0 a tavolino!”

Lilian Thuram, ex difensore di Parma e Juventus, è stato intervistato dall’“Avvenire” in occasione dell’uscita del suo primo libro, “Més étoiles noires“, (“Le mie stelle nere”). Nell’occasione, Thuram ha ribadito il suo messaggio: (“Razzisti non si nasce, si diventa. E’ un problema di cultura”) e lanciato una provocazione: “Se partono dei cori razzisti, non interrompiamo …

thuramLilian Thuram, ex difensore di Parma e Juventus, è stato intervistato dall’“Avvenire” in occasione dell’uscita del suo primo libro, “Més étoiles noires“, (“Le mie stelle nere”). Nell’occasione, Thuram ha ribadito il suo messaggio: (“Razzisti non si nasce, si diventa. E’ un problema di cultura”) e lanciato una provocazione: “Se partono dei cori razzisti, non interrompiamo le partite. Il giorno dopo diamo partita persa alla squadra interessata. Qualche presidente comincerà a riflettere, sono sicuro che a quel punto prenderanno provvedimenti molto rapidi”.
Da calciatore, anche Thuram è stato oggetto di cori razzisti: “Anche a me facevano i “buu-buu” quando sono arrivato al Parma – rammenta – così come a Fabio Cannavaro gridavano “terrone” negli stadi del Nord. Una volta un avversario mi ha detto in faccia “sporco negro”, eppure io sono un europeo, un francese. In Francia il primo giocatore di colore in nazionale è stato Raoul Diagne nel 1931, ma la storia francese è fatta di colonie, quella dell’Italia no. E ora immagino che ci sia chi si stupisce che Balotelli e gli altri due giocatori di colore  abbiano giocato insieme nella stessa partita con la vostra nazionale Under 21. È un fatto puramente culturale che ci sta, inaccettabile invece, è il non considerare Balotelli italiano”
Nelle scorse settimane, racconta Thuram, ha cercato di contattare il calciatore più tartassato dai cori avversari, Mario Balotelli: “Quei cori non devono fargli né caldo né freddo, perché né io né lui siamo delle “scimmie”. È quello che avrei voluto dire a Balotelli quando l?ho chiamato per parlargli, ma come molti calciatori famosi, non risponde mai al telefono…. Lui comunque è una vittima del razzismo e sbagliano molti suoi colleghi e lo stesso presidente Moratti a sminuire certi episodi che si sono ripetuti. Per affrontare e superare un problema, bisogna riconoscerne l’esistenza. E ha sbagliato anche la Federcalcio che dopo la gara con il Chievo, in cui Balotelli era stato insultato, non doveva multarlo per la sua reazione, ma avrebbe fatto bene a convocare il ragazzo e a dirgli pubblicamente: guarda, noi siamo dalla tua parte, capiamo che è molto ingiusto quello che ti sta capitando e non possiamo più accettare che queste cose accadano. Ma nessuno l’ha fatto”.

(Credits: Sportmediaset)

Un commento

  1. thuram??? chi è thuram???

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi