Tavolo senza pace, nulla di fatto. Petrucci: "Tentativo fallito" | JMania

Tavolo senza pace, nulla di fatto. Petrucci: “Tentativo fallito”

Tavolo senza pace, nulla di fatto. Petrucci: “Tentativo fallito”

Si è concluso dopo circa 4 ore e mezza con un nulla di fatto il famigerato tavolo della pace. L’iniziativa pensata per una ‘distensione’ relativa ai fatti di Calciopoli promossa dal Coni, che ha visto la partecipazione del presidente della Juventus, Agnelli, dell’Inter, Moratti, del Napoli, De Laurentiis, dell’ad del Milan, Galliani e del patron …

Si è concluso dopo circa 4 ore e mezza con un nulla di fatto il famigerato tavolo della pace. L’iniziativa pensata per una ‘distensione’ relativa ai fatti di Calciopoli promossa dal Coni, che ha visto la partecipazione del presidente della Juventus, Agnelli, dell’Inter, Moratti, del Napoli, De Laurentiis, dell’ad del Milan, Galliani e del patron della Fiorentina, Della Valle alla presenza dei vertici di Coni e Figc non ha partorito praticamente nulla. Tutte le parti, infatti, sono rimaste sulle proprie posizioni, senza cedere di un passo nel corso del dibattito cominciato stamane alle 9 presso la sede del Coni.
I primi ad uscire sono stati Moratti, De Laurentiis e Galliani, seguiti a ruota da Della Valle: “Siamo rimasti civilmente sulle nostre posizioni, nessuno ha fatto un passo indietro. Calciopoli chiuso? Noi non chiediamo niente. A cosa è servito il tavolo? A ribadire le nostre posizioni”, ha spiegato il numero uno viola.
“Un incontro è sempre costruttivo, tutto può essere utile”, ha dichiarato il patron dell’Inter Massimo Moratti. Molto deluso, è parso all’uscita, il numero uno del Coni Petrucci: “Passi in avanti non ce ne sono stati: la buona volontà non è stata premiata. Non lo considero un fallimento. Anche senza un risultato proveremo a guardare avanti. È un tentativo non riuscito e basta”.
Scorato il presidente federale Abete: “Non possiamo che prendere atto che questo sforzo non riesce a sanare ferite profonde. Speravamo in un esito diverso”.
La Juventus, dunque, dovrebbe proseguire la sua battaglia legale contro la Federazione Giuoco Calcio (ricorso al Tar e richiesta di commissariamento) portando come bandiera il caposaldo della ‘parità di trattamento’ tra 2006 e 2011.

17 commenti

  1. Bene così presidente,non un passo indietro.Questi vermi nullafacenti hanno chiaramente paura che il clima di”nuova onestà”instaurato dal petroliere possa subire un brusco cambiamento,hanno paura che la verità venga a galla,è evidente.Vi lascio con la preghiera per la notte:

    “PALAZZI SULL’INTER E SU FACCHETTI – «(….)Alla luce dei principi posti dalla decisione della CAF (CU 1\C del 14 luglio 2006), va rilevato che la condotta del Facchetti appare presentare notevoli e molteplici profili di rilievo disciplinare. In questa trattazione specifica della posizione del Facchetti, è appena il caso di rilevare che la società Internazionale F.C. di Milano, oltre che essere interessata da condotte tenute dal proprio Presidente che, ad avviso di questa Procura federale, presentano una notevole rilevanza disciplinare per gli elementi obiettivamente emergenti dalla documentazione acquisita al presente procedimento, risulta essere, inoltre, l’unica società nei cui confronti possano, in ipotesi, derivare concrete conseguenze sul piano sportivo, anche se in via indiretta rispetto agli esiti del procedimento disciplinare, come già anticipato nella premessa del presente provvedimento e come si specificherà anche in seguito. Dalle carte in esame e, in particolare, dalle conversazioni oggetto di intercettazione telefonica, emerge l’esistenza di una fitta rete di rapporti, stabili e protratti nel tempo, intercorsi fra il Presidente della società INTERNAZIONALE F.C., Giacinto FACCHETTI ed entrambi i designatori arbitrali, Paolo BERGAMO e Pierluigi PAIRETTO, fra i cui scopi emerge, fra l’altro, il fine di condizionare il settore arbitrale. 57 La suddetta finalità veniva perseguita sostanzialmente attraverso una frequente corrispondenza telefonica fra i soggetti menzionati, alla base della quale vi era un consolidato rapporto di amicizia, come evidenziato dal tenore particolarmente confidenziale delle conversazioni in atti (….)»”

    Saluti,e SEMPRE FORZA GRANDE JUVE!

  2. giustizia solo se revocheranno la prescrizione all’inter
    processatela!

  3. Che ipocrita petrucci….”la buona volonta’ non e’ stata premiata”…..e di chi sarebbe questa presunta “buona volonta’”?….di voi dirigenti ipocriti, incompetenti e disonesti?…. vogliamo che la “GIUSTIZIA SPORTIVA SIA UGUALE PER TUTTI”, la vostra finta “buona volonta’” non ci interessa, anzi, ci fa’ venire il voltastomaco……forza andrea

  4. Commento veloce veloce.. W il DIRETTORE!! ..tutto il resto è aria fritta!!!

    saluti..

  5. quoto in pieno Zebrato e vorrei aggiungere che il “non giovin signore” tacciò la relazione di Palazzi come “ridicola”..Possibile che in italia tutti tacciono e solo noi juventini ci facciamo il fegato amaro??

  6. A @sangio. Il Procuratore Palazzi, lo avete sempre tenuto sopra un piedistallo per aver condannato la JUVE (senza prove). Quando ha, invece, dichiarato che l’inter aveva violato gli art. 1 e 6 del CGS, per cui avrebbe dovuto subire la retrocessione (prescritta), allora Palazzi (giudice) esprime solo “pareri opinabili”. Cercate di essere seri e coerenti con voi stessi.

  7. albertosanguebianconero

    SIGNORI NON PROVANO A TOCCARE IL CARTONE DEL BENZINARO,PERCHE SOTTO SOTTO,C’E QUALCOSA DI GROSSO,E COME PENSO IO ,PARTE DALLA FRASE DI CARRARO,QUANDO RISPOSE A UN GIORNALISTA CHE NON POTEVA MANDARE IN SERIE B,UNA SOCIETA CHE METTEVA NEL CALCIO 600 MILIONI DI EURO.PASSAPORTI TRUCCATI,ILLECITO SPORTIVO,PRESCRIZIONE VOLUTA,INTERCETTAZIONI NASCOSTE,MA PER FARE UN VERO PROCESSO AL BENZINARO,ALLA SUA SOCIETA,AI DIRIGENTI DEL CALCIO ITALIANO AD ALCUNI INQUIRENTI,CI VUOLE ALTRO? A ME NON SEMBRA.CI VUOLE UN VERO P.M. CON GLI ATTRIBUTI E I MIGLIORI AVVOCATI DEL MONDO.MAGARI CI TASSIAMO NOI TIFOSI PER PAGARLI,MA QUESTI INDIVIDUI NON SE LA POSSONO PASSARE LISCIA.

  8. albertosanguebianconero

    Come è possibile sopportare l’ipocrisia dei capi dello sport italiano,in particolare di Abete.E stato il presidente che fino a prova contraria a mandato in prescrizione le malefatte del benzinaro e della sua società,e parla di fare passi indietro a noi?Ma non si vergogna?Ma la voliamo aprire un’inchiesta sull’operato di questi individui e dei signori Auricchio e Narducci per avere nascosto l’intercettazioni dell’innominabile?Ma il famoso club Juventus di Montecitorio che ca…o fa?non doveva aprire una commissione d’inchiesta?Signori siamo veramente sotto una cupola,con associazione a delinquere,ma un P.M. con le palle lo troviamo?Possibile che in Italia si riesca a stravolgere anche quello che si vede e si sente?Perché dobbiamo proteggere un benzinaro e alcuni dirigenti di calcio?

  9. Spero che questi ……. “signori presuntuosi”, dopo questo fallimento, capiscano(per loro non è facile) che non tutti si piegano davanti ai soldi, di qualche sisgorotto, e alle minacce. Anche stavolta non è bastato l’abbaiare dei cani per mettere paura ad A AGNELLI (consapevole di avere alle spalle 14 ml di JUVENTINI assetati di giustizia). Capiterà, prima o poi, di trovare dei giudici che non si lasceranno corrompere.

  10. sangio:”parere opinabile”?…questa frase è uguale all’articolo con cui è stata affossata la juventus..”difetto strutturato”….ma un pò di vergogna no è!!!

  11. …c’era poco da aspettarsi da questo ammasso di ‘persone per bene’… Abete e Petrucci avete veramente a cuore le sorti del Calcio italiano? …scollatevi da quella sedia, sarebbe un bel passo avanti.

  12. l’unica domanda seria che petrucci/abete avrebbero dovuto/potuto fare al tavolo della pace è la seguente: caro Moratti, l’inter, come da sentenza di Palazzi, ha violato gravemente il codice sportivo (articoli 1 e 6, la violazione di quest’ultimo determina retrocessione immediata) ma per una serie di “fortunate” circostanze quando questo è stato svelato è scattata la prescrizione. Nel frattempo l’Inter è stata premiata con uno scudetto ad honorem (sottratto ad altri) per una illibatezza mai esistita. Come puoi, Moratti, pretendere di tenerti uno scudetto così vergognoso? Dimostra di essere una persona onesta, rinuncia alla prescrizione o, perlomeno, restituisci (simbolicamente ovviamente, tanto si sa chi l’ha vinto sul campo) il cartone! Moratti, faresti un figurone, potresti sembrare onesto, senza contare che comunque quello che non riuscivi mai a vincere con calciopoli l’hai vinto comunque. Prima del 2006 avresti firmato carta bianca pur di vincere un miserissimo scudettino, ricordi? Calciopoli ti ha permesso di fare addirittura incetta di scudi e di vincere addirittura la CL, cosa vuoi di più? Dai, dimostra di essere onesto, restituisci il cartoncino!

  13. Tavolo della perdita di tampo . Come volevasi dimostrare si sono rinuti solo per chiedere alla juve di fare un passo indietro in cambio di niente ….anzi no in cambio del ”bene del calcio italiano” e Agnelli gli ha risposto molto educatamente con un bel ”andate a fancu…voi il calcio italiano” 😀 Bene cosi bravo Presidente

  14. [email protected]

    che bravi che siete vergognatevi….moratti e contento come preziosi della partita di ieri mi sa….

  15. La mossa di Petrucci di organizzare l’incontro aveva forse lo scopo di capire cosa avesse effettivamente in mano il “Giovin Signore”…staremo a vedere.

  16. Estiqaatsi è contento!

  17. Annatevela a pijà dentro er cxxx…….Venduti e infami…….
    TAR….TAR…..TAR…TAR…TAR…TAR!!!!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi